Cappella Sansevero

Questa cappella del XVI secolo presenta una varietà di elementi di arte sacra, dalle sculture in marmo alle cosiddette macchine anatomiche dall'aspetto inquietante.

La Cappella Sansevero, risalente al XVI secolo, custodisce un'eclettica collezione di arte sacra italiana. La cappella venne fatta costruire dal duca Federico di Sangro, come segno di gratitudine verso la Vergine Maria per averlo guarito da una malattia.

All'interno della cappella sono presenti alcune statue in marmo di ottima fattura, quali il celebre Cristo velato. Non mancano affreschi, pavimentazione in marmo dai motivi elaborati e insolite figure umane a scopo di studio anatomico.

Passeggia all'interno della cappella e osserva da vicino i suoi tesori: impiegherai un'ora. La visita della chiesa è indicata per le famiglie, sebbene i bambini più piccoli potrebbero essere intimoriti da alcune opere esposte. Il capolavoro della cappella è senza dubbio il famoso Cristo velato. Quest'opera del 1753 ritrae Gesù morto, disteso e coperto da un sudario molto leggero. Osserva da vicino i magnifici dettagli della statua, quali le morbide pieghe del velo e i segni della crocifissione presenti sulle mani e sui piedi. La statua è opera di Giuseppe Sanmartino, uno scultore che deve la sua fama alla lavorazione del marmo, trattato in modo che il velo che copre Gesù sembri trasparente. Oltre al Cristo velato, la cappella ospita molte altre statue risalenti alla metà del XVIII secolo. Apprezza la brillantezza dei colori e l'intensità dei dettagli dell'affresco Gloria del Paradiso, opera dall'artista Francesco Maria Russo. Parti della pavimentazione originale della chiesa sono ancora visibili. Il motivo decorativo ricorda un labirinto, creato utilizzando marmo bianco e nero. Questa trama, opera di Francesco Celebrano, simboleggia il difficile percorso verso l'illuminazione divina.

Visita i sotterranei della cappella e resta meravigliato davanti alle insolite opere lì presenti, le cosiddette Macchine anatomiche. Due corpi, un uomo e una donna, sono distesi all'interno di due teche di vetro. Le vene e il sistema circolatorio, nonché le ossa e i denti sono perfettamente intatti. Non è ancora chiaro come l'artista Giuseppe Salerno sia riuscito a preservare il sistema circolatorio in modo così fedele. Oggi, le statue suscitano sensazioni inquietanti, ma sono comunque di immenso valore.

La Cappella Sansevero si trova nel centro storico di Napoli, cinque minuti a piedi da Piazza San Domenico Maggiore. La stazione della metropolitana più vicina è Piazza Cavour. Recati a Piazza San Domenico Maggiore, dove troverai molti bar e ristoranti. La cappella è aperta al pubblico dal martedì alla domenica e l'ingresso è gratuito per i bambini di età inferiore ai 10 anni.


Scopri le attrazioni di Napoli (e dintorni)


Hotel nelle vicinanze

10 hotel consigliati vicino a Cappella Sansevero


Gli hotel più prenotati

Gli hotel più richiesti vicino a Cappella Sansevero

Tutti gli hotel vicino a Cappella Sansevero