Sono lontani i tempi i cui il temibile esercito turco sbarcava su questo litorale per assediare Otranto, era il XV secolo, e quello che rimane oggi di quei giorni sta tutto nel nome evocativo e romantico della spiaggia che negli anni è diventata una destinazione turistica apprezzatissima da chi cerca un angolo di paradiso senza andare all'altro capo del mondo.

Ci troviamo in Salento, Puglia, dove il sole splende per più di trecento giorni all'anno, gli ulivi secolari si estendono a perdita d'occhio e le melodie della pizzica accompagnano le serate sotto le stelle. Chi sceglie il Salento lo fa anche per una vacanza all'insegna della natura, per la cultura, il cibo delizioso, i tantissimi eventi estivi ma soprattutto per il mare, anzi i mari, addirittura due quelli che lo bagnano, lo Ionio e l'Adriatico, e le spiagge idilliache che adornano le sue coste. Le bandiere blu qui si sprecano, tredici quest'anno in Puglia, e la Baia dei Turchi è tra queste, andiamo allora alla scoperta di questa spiaggia meravigliosa.

Come arrivare

La spiaggia si trova sulla costa ovest salentina a circa cinque chilometri di distanza da Otranto, in direzione nord. Se viaggiate con la vostra auto prendete la provinciale 366 che conduce ai Laghi Alimini, quindi lasciatela in uno dei parcheggi a pagamento della zona e con la navetta raggiungete l'ingresso della pineta. Il sentiero sterrato che porta alla spiaggia non è semplicissimo in caso abbiate passeggini e bambini piccoli al seguito, ma in fondo si tratta di dieci minuti di passeggiata ampiamente ricompensati dalla bellezza della baia che vi si spalanca di fronte.

Avete scelto una vacanza senza auto? Nessun problema, la Baia dei Turchi è molto ben collegata dagli autobus sia che la vostra base sia Otranto sia che arriviate dalle vicine Lecce, Maglie o Galatina. Se poi vi siete proprio innamorati del posto, nei dintorni della spiaggia le strutture alberghiere non mancano, mettete però in conto la distanza dai centri abitati.

La spiaggia Baia dei Turchi

Sabbia bianca finissima, mare trasparente dalle tonalità caraibiche e natura rigogliosa tutto intorno, ecco cosa vi aspetta in questo luogo incantevole! Inserita dal FAI tra i primi cento luoghi da tutelare in Italia, la spiaggia salentina è uno dei tanti vanti del nostro meraviglioso sud. La Baia è divisa in una zona principale, sulla quale vengono attrezzati due stabilimenti balneari e un piccolo chiosco, e due zone decentrate, appena dietro gli scogli a nord e a sud della spiaggia, dove si trovano calette più intime e di solito meno affollate. Che amiate la sabbia o gli scogli qui troverete di che godere!

Un consiglio, se potete andateci quando soffiano venti da sud o da ovest, il mare sarà una tavola piatta dove i bambini potranno giocare in tutta sicurezza, se poi siete anche lontani dalle vacanze di agosto ancora meglio perché la spiaggia, seppur ampia e discretamente lunga, si riempie in fretta già dalla prima mattina, del resto in tanti ambiscono a fare un bagno in queste acque da sogno.

image.png?1561169973

Cosa fare

Siete arrivati, vi siete sistemati, ombrellone aperto e telo sulla sdraio, pace, calma e relax. Per molti questa è l'unica attività giornaliera prevista quando si raggiunge la spiaggia e nessuno ha certamente da obiettare! Le vacanze sono anche questo. Se invece preferite qualcosa di più movimentato allora inforcate le infradito e cominciate a camminare per i sentierini circostanti, troverete scorci da cartolina perfetti per le vostre foto.

Anche lo snorkeling qui è un'attività molto gettonata, l'acqua è trasparente e solitamente calma, nuotate intorno agli scogli e troverete una moltitudine di pesci colorati. Per il pranzo poi inoltratevi all'ombra della pineta, è stata attrezzata con panche e tavoli per rendere anche questo momento più comodo possibile.

9667436538_c4cb9cf22a_k.jpg?1561168300

Baia dei Turchi by Francesca Cappa - Under Creative Common License CC BY 2.0 (flickr.com/photos/phalaenopsisaphrodite523/9667436538)

Cosa vedere

La spiaggia fa parte dell'Oasi protetta dei Laghi Alimini, una zona d'interesse naturalistico notevole che merita una visita. I laghi sono due e sono circondati da boschi che ospitano flora e fauna ricchissima. Tornando sulla costa, poco più a nord della Baia dei Turchi, ci sono le spiagge Alimini e Azzurra, attrezzatissime, moderne, la sera quasi mondane! Se volete praticare uno sport d'acqua è qui che troverete le attrezzature da noleggiare.

Verso sud invece incontriamo Otranto, il comune più orientale d'Italia. La cittadina è deliziosa e il suo borgo antico è stato dichiarato patrimonio dell'Unesco nel 2010. Perdetevi tra le sue stradine, ammirate le chiese, quella di San Pietro con i suoi affreschi su tutte, ed entrate nelle botteghe d'artigianato, sarà come fare un salto nel passato. Visitate anche il Castello Aragonese e i suoi sotterranei misteriosi e ammirate il panorama da una delle tante torri di osservazione disposte sul litorale cittadino, qui davvero si respira la storia.

1440px-Otranto_dal_bastione_dei_Pelasgi.jpg?1561167896

Veduta di Otranto, Di Freddyballo - CC BY-SA 3.0 (commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3919221)

Photo Credit

Baia dei Turchi, Otranto, Di Paride81 - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1037083