Cosa vedere a Favignana tra spiagge e calette e siti archeologici. Non solo. Anche i migliori piatti della tradizione e le informazioni su come arrivare.

Come una farfalla sul mare. Così il pittore Salvatore Fiume definì Favignana, la più grande delle isole Egadi. Deve il suo nome a un vento, il Favonio, che spira da occidente. L'isola è un tripudio di colori: il verde della rigogliosa vegetazione, il bianco delle rocce, il blu turchese del mare. Insomma, un paradiso per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni, ma anche di coloro che preferiscono trascorrere la vacanza a Favignana restando su una sdraio a prendere la tintarella o rinfrescarsi aggrappati ad una ciambella.

Come arrivare

Favignana è raggiungibile in aliscafo dalla Sicilia e da Napoli. Chi preferisce raggiungere la Sicilia in aereo, può atterrare a Palermo o a Trapani Birgi. Nel primo caso è poi necessario raggiungere il porto di Trapani con il treno. Da lì, traghetti e aliscafi permettono di arrivare sull'isola facilmente. Da Napoli gli aliscafi sono attivi solo nel periodo estivo con scalo sull'isola di Ustica. Anche se non consigliato, è possibile raggiungere Favignana con l'auto al seguito, grazie al servizio dei traghetti. Per gli spostamenti sull'isola, invece, consigliamo lo scooter, il quad e la bicicletta per raggiungere via terra le calette più sperdute.


Il porto di Favignana al tramonto..jpg)
Il porto di Favignana al tramonto.

Le migliori spiagge di Favignana, per tutti i gusti

Favignana è famosa per le sue spiagge che si alternano a grotte naturali e a cale. Così, l'isola viene incontro a tutti i gusti. Gli amanti della sabbia fine e dorata troveranno il proprio paradiso terrestre a Cala Azzurra, Lido Burrone e ai Calamoni.

Coloro che invece preferiscono le spiagge di ciottoli saranno accontentati a Punta Lunga, ai Faraglioni e a Punta Sottile dove si possono ammirare tramonti incredibilmente affascinanti. La spiaggia più famosa è certamente Cala Rossa con la sua sabbia incastonata da rocce e con un mare incredibilmente turchese dove con una maschera e con il boccaglio val la pena nuotare e scoprire i meravigliosi fondali. Imperdibile è poi la Grotta dei Sospiri, una delle tante grotte marine da visitare dall'acqua a bordo di piccole imbarcazioni. Chi vuole scendere nelle profondità consigliamo le immersioni alla Galeotta e alla Secca del Toro.

Tra le calette di Favignana
Tra le calette di Favignana

Cosa vedere a Favignana: un'isola ricca di storia

Oltre al meraviglioso mare e alle splendide spiagge, Favignana è anche ricca di storia. La zona di San Nicola è sicuramente l'area archeologica dell'isola per eccellenza. Qui si trova il "Bagno delle donne", una specie di ninfeo romano.

Nei pressi ci sono anche i resti di un impianto per la lavorazione del pesce e della produzione del garum, salsa ricavata dalle interiora dei pesci che gli antichi romani impiegavano per il condimento delle pietanze. Non dimenticate di far visita anche alle cave di tufo che per secoli hanno rappresentato una delle fonti di sostentamento della popolazione locale. Oggi sono vere e proprie cattedrali che conservano la memoria del luogo. In alcune di esse sono stati realizzati i cosiddetti Giardini Ipogei. Nelle cave in disuso gli abitanti hanno piantato vari alberi da frutto, in modo che questi fossero protetti dai forti venti dell'isola.

LEGGI ANCHE: Fra Sicilia e Africa: Lampedusa e Pantelleria!

Le strade interne di Favignana..jpg)
Le strade interne di Favignana.

I piaceri della tavola

Dopo una giornata al mare non resta che assaporare le specialità dell'isola. Uno dei locali storici di Favignana è La Tavernetta (Piazza Matrice, 61). Aperta dal 1971, propone una cucina fedele alla tradizione gastronomica egadina e siciliana, ovviamente a base di pesce. Da non perdere il cous cous preparato ogni giorno e il pescato prodotto di tonnara. L'interno è caratterizzato dai famosi soffitti a volte di tufo. Altro consigliatissimo ristorante isolano è Il Giardino dell'Aegusa (via Garibaldi 11). Qui si possono assaporare i piatti della tradizione delle Egadi, all'ombra di un pino secolare o sotto il pergolato del ristorante circondato da un curato giardino.

Photo credit

Foto di copertina: Cala rossa a Favignana - By roberto from italy , via Wikimedia Commons

SalvaSalva