Vi siete mai chiesti perché l'Italia viene chiamata il Belpaese? Mari dalle acque cristalline, spiagge sconfinate, altissime vette, vasti parchi nazionali e l'ampio Patrimonio mondiale dell'umanità UNESCO sono solo alcune delle cose che attirano ogni anno tantissimi visitatori da tutto il mondo. Ma sappiamo bene che la nostra penisola ha molto di più da offrire. Ognuna delle nostre regioni cela tantissime perle rare, a volte poco note: lingue differenti, tunnel sotterranei, luoghi e monumenti che raccontano aneddoti della nostra civiltà, senza dimenticare attività ricreative e così tanti piatti tipici che non basterebbe una vita intera per provarli tutti. State pianificando un viaggio alla scoperta delle bellezze meno ricercate della nostra terra? Ecco un elenco delle 100 cose da fare e vedere in Italia, una serie di consigli e indicazioni su un volto del nostro paese che, chissà, ancora non conoscete.

1. Immergetevi nello spettacolo naturale del Cammino dei Briganti

Il nome deriva dai briganti della Banda di Cartore che vivevano nelle terre dell'antico confine tra lo Stato Pontificio e il Regno delle due Sicilie. Sette giorni e cento chilometri lungo i quali ammirerete valli, pendii e campi sconfinati, attraversando sentieri immersi nei boschi. Si parte da Sante Marie, un borgo medioevale abruzzese dove potrete visitare una mostra che ripercorre la storia del brigantaggio in Italia. L'idea di muovervi così tanto a piedi non vi entusiasma? Nessun problema, il Cammino dei Briganti è percorribile agevolmente anche in bicicletta!

2. Non serve andare alle Maldive per avere le Maldive: in Italia abbiamo il Salento

Spiagge chilometriche, calette, grotte naturali, un mare dai colori sfavillanti e angoli di paradiso incontaminati: cosa aspettate a visitare il Salento? La Grotta della Poesia, incastonata tra le rocce carsiche scavate dall'ondeggiare del mare, è un luogo imperdibile. Tra un bagno e l'altro, visitate anche la città di Lecce, che con le sue affascinanti architetture barocche vi porterà a spasso nella storia e nell'arte. Non andate via prima di avere assaggiato un pasticciotto, bontà dolce tutta locale.

3. Visitate il Colosseo insieme a un archeologo

Lo conosciamo tutti come uno dei simboli della capitale e di tutta l'Italia: è il Colosseo! Prenotate una visita in compagnia di una guida esperta che vi svelerà alcune curiosità meno note su questo straordinario monumento. Ad esempio, lo sapevate che tra le sue rovine crescono oltre 300 specie di piante e che un tempo, nei giorni di sole, veniva ricoperto da un velario? Scoprite il Colosseo e i suoi segreti.

4. Avete mai sentito parlare del tour dei mosaici bizantini a Ravenna?

A Ravenna avrete la possibilità di fare un tour dei mosaici bizantini, e non vi basterà una giornata per vederli tutti. Potreste iniziare dal Mausoleo di Galla Placidia, una cappella funeraria dove sono conservate le spoglie della sorella dell'imperatore romano Onorio. Alzate gli occhi e guardate il soffitto: eravate mai stati sotto un cielo stellato fatto di mosaici?

5. Scoprite Verona e la storia d'amore più conosciuta al mondo

Si narra che la famiglia Cappello, proprietaria dell'edificio trecentesco di Verona noto in tutto il mondo per il suo balcone, sia poi diventata la famiglia Capuleti, protagonista insieme a quella dei Montecchi della celeberrima tragedia di Shakespeare, Romeo e Giulietta. Esplorate i suggestivi luoghi che hanno ispirato una delle storie d'amore più struggenti e romantiche mai raccontate e fate una foto con la statua in bronzo di Giulietta, nel cortile.

6. Provate l'ebrezza del Volo dell'angelo sulle Dolomiti lucane

Si chiama Volo dell'angelo e unisce Pietrapertosa con Castelmezzano, due borghi della Basilicata che vi divertirete a visitare dopo esservi ripresi da questa incredibile esperienza. Stiamo parlando infatti di una fune sospesa a 400 metri di altezza che percorrerete legati a un'imbracatura, raggiungendo i 100 chilometri orari. È una delle esperienze più adrenaliniche che potete fare in Italia, da soli o in coppia: stavate forse cercando un regalo di anniversario alternativo, quest'anno?

1631px-Volo_dell%E2%80%99Angelo_1.jpg?1561371051

Volo dell'angelo - Di Lorenzo Palazzo - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=62982270

7. La città dei pistacchi è in Sicilia e si chiama Bronte

Ai piedi del versante occidentale dell'Etna, in provincia di Catania, si trova Bronte. Ed è proprio qui che viene coltivata una varietà di pistacchio che ha reso la cittadina celebre in tutto il mondo. Quale luogo migliore per provare tutte le leccornie prodotte con il pistacchio verde di Bronte? Assaggiate ad esempio il pesto, ideale per condire la pasta, e il gelato, perfetto per una pausa tra un giro e l'altro nel centro storico di Bronte.

8. La Chiesa di Santa Maria delle Grazie: l'arte nel cuore di Milano

Lo stile rinascimentale di questa basilica sarà la prima cosa a saltare ai vostri occhi, ma non l'unica ad accenderli di entusiasmo e stupore. All'interno di questa struttura è conservata infatti una delle opere d'arte più prestigiose di cui l'Italia può vantarsi: il Cenacolo di Leonardo da Vinci, più comunemente noto come L'Ultima Cena. Leonardo iniziò a dipingere il suo capolavoro nel 1495, ma il fascino di questo capolavoro rinascimentale rimane immutato anche dopo secoli.

9. Passeggiate tra i viali della Reggia di Caserta, gioiello campano e orgoglio italiano

Commissionata dal Re di Napoli, Carlo di Borbone, e iniziata a costruire nel 1752, la residenza è ancora oggi tra i palazzi reali più visitati al mondo. Respirate l'atmosfera regale che pervade le sontuose sale della reggia e lasciatevi stupire dai suoi maestosi giardini, che non hanno nulla da invidiare alla celeberrima Versailles. Non andate via senza aver visto le straordinarie fontane e cascate e il prezioso museo delle ceramiche.

10. Fate un viaggio in Umbria nel periodo del Festival di Spoleto

Ogni anno, dall'ultimo venerdì di giugno alla terza domenica successiva, Spoleto ospita il Festival dei due Mondi, inaugurato nel 1958. Il nome deriva dal desiderio del suo fondatore, Gian Carlo Menotti, di unire due mondi artistici, quello italiano e quello americano. Perché non organizzate un tour dei borghi e delle valli dell'Umbria nel periodo del festival? Visiterete una delle più belle regioni d'Italia e parteciperete a uno dei festival più famosi di tutta Europa.

11. Tra la Valle d'Aosta e il Piemonte vi aspetta il Paradiso

Il Parco Nazionale Gran Paradiso è il più antico parco d'Italia e i suoi 70.000 ettari di terreno sono compresi tra il Piemonte e la Valle d'Aosta. Una visita al parco offre molte opzioni di svago: escursioni per grandi e piccini, trekking fotografico, la possibilità di visitare mostre dedicate alla natura e tanto altro ancora. Tenete sempre a portata di mano la macchina fotografica: potreste imbattervi in uno stambecco alpino, l'animale simbolo del parco.

12. Recanati: un pomeriggio a casa di Giacomo Leopardi

Lasciatevi trasportare dal fascino di uno dei luoghi più visitati a Recanati, il Colle dell'Infinito, che ha ispirato una delle più celebri poesie di Leopardi. Ma non è tutto: nella città marchigiana vi attende anche la casa dove nacque e visse il poeta, un edificio settecentesco nel rione Monte Morello che custodisce oggetti e manoscritti appartenuti a Leopardi. Non andatevene senza avere visto la biblioteca, che ospita oltre 20.000 volumi.

13. Mare o montagna? Friuli-Venezia Giulia!

La commistione di culture e lingue diverse, le località balneari, i parchi naturali, i laghi alpini e le stazioni sciistiche fanno del Friuli-Venezia Giulia una destinazione turistica particolarmente ambita e perfetta tutto l'anno. Noleggiate un'auto e partite da Trieste, al confine con la Slovenia e amata da molti scrittori e artisti famosi, che vi affascinerà con i suoi eleganti palazzi e l'ottima offerta gastronomica. Lignano Sabbiadoro è la meta perfetta per una vacanza al mare, mentre Tarvisio è un tranquillo borgo di montagna al confine tra Italia, Austria e Slovenia. Lo sapevate che tra le colline di Udine si trova San Daniele, la cittadina dove si produce il pregiato prosciutto crudo?

14. Salite in cima alla Torre pendente più famosa del mondo

Sapevate che a rendere inclinata la Torre di Pisa è stato un cedimento del terreno che si verificò all'inizio della sua costruzione? La Torre pendente più famosa d'Italia è praticamente nata storta. Si tratta di uno dei monumenti del Belpaese più visitati dai turisti di tutto il mondo ed è alta 57 metri. Salendo lungo i quasi 300 gradini che conducono in cima, avrete una straordinaria vista su tutta la piazza e sugli altri importanti monumenti del Campo dei Miracoli, ovvero il Battistero, il Duomo e il Campo Santo.

1440px-Torre_di_pisa_vista_dal_cortile_dell'opera_del_duomo_06.JPG?1561371322

Torre di Pisa - By I, Sailko, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18902399

15. Organizzate un tour delle campagne ciociare

Potreste iniziare da Castro dei Volsci, un borgo in provincia di Frosinone che si affaccia sulla valle del Sacco. Qui, ogni Natale, prende vita un popolare presepe impersonato dagli abitanti locali. Potreste poi proseguire per Alatri, alle pendici dei Monti Ernici, che vanta un ricco patrimonio artistico e archeologico ed è nota anche come Città dei Ciclopi. Il soprannome deriva dalla sua principale attrazione, il monumento megalitico dell'Acropoli della Civita. Concludete con la Città dei Papi, Anagni, per visitare il Palazzo Bonifacio VIII, che nel 1303 fu teatro del famoso "schiaffo d'Anagni".

16. Incontrate l'Uomo che viene dal ghiaccio, a Bolzano

Si chiama Ötzi, o Mummia del Similaun, e si crede che sia vissuto tra il 3300 e il 3100 a.C. Questo straordinario ritrovamento risale al 1991, e oggi potete ammirare Ötzi e l'equipaggiamento che aveva con sé prima di morire sulle Alpi Venoste al Museo Archeologico dell'Alto Adige di Bolzano. Una volta qui, approfittatene per passare in rassegna anche gli altri reperti conservati nel museo, risalenti a un periodo compreso tra il Paleolitico e l'Alto Medioevo, per fare un tuffo nella storia e nella vita degli altoatesini nelle diverse epoche.

17. Andate a spasso tra i borghi della Riviera di Ponente

Partendo da Ventimiglia e proseguendo fino a Genova, avrete la possibilità di visitare alcuni tra i borghi più belli della Riviera di Ponente. Sostate a Dolceacqua, in provincia di Imperia, per visitare il castello edificato nel dodicesimo secolo e il Ponte Vecchio che passa sul torrente Nervia. A pochi chilometri da Sanremo si trova Arma di Taggia, famosa per le olive di produzione locale e per il litorale con le lunghe spiagge e gli stabilimenti attrezzati, ideali per le famiglie. Da Taggia, raggiungere Bussana Vecchia è un attimo: questa frazione collinare di Sanremo è nota per essere stata ripopolata da numerosi pittori, scultori e scrittori dopo un violento terremoto che la distrusse, e oggi è un eclettico borgo di artisti.

18. Nuotate tra i delfini alle Isole Tremiti

A pochi chilometri dal promontorio del Gargano, nel Mar Adriatico, si trovano cinque isolotti che formano le Isole Tremiti. San Nicola, Caprara, San Domino, Cretaccio e Pianosa vi colpiranno per il verde intenso della loro rigogliosa natura e il blu delle acque, ma anche per il gran numero di monumenti e architetture. Parcheggiate la macchina e girate a piedi o in bici, approfittandone per fare un bagno tra un tour e l'altro. Se siete fortunati, potreste trovarvi a nuotare insieme a un gruppo di delfini!

19. Assaggiate il pregiato tartufo bianco di Alba

È impossibile fermarsi ad Alba e non assaggiare uno dei piatti locali arricchito dal gusto intenso del tartufo bianco, protagonista indiscusso della città. Se visitare i tanti musei e le chiese monumentali di questa perla delle Langhe non è abbastanza, approfittatene per organizzare un tour con un esperto cacciatore di tartufi che vi condurrà alla ricerca del celebre tartufo bianco e vi spiegherà i segreti di questa attività, svelandovi ogni dettaglio su questi prelibatissimi (e costosissimi) funghi.

20. Fate un giro in gondola a Venezia

Non si può visitare Venezia senza fare un giro in gondola, tra i suoi suggestivi canali e sotto i suoi famosi ponti (date un'occhiata ai 10 più belli). L'imbarcazione tipica della Serenissima ha origini antiche che risalgono al Trecento, e per costruirne una è richiesto circa un anno di lavoro. Se viaggiate in coppia, ricordate di baciarvi al momento del passaggio sotto il Ponte dei Sospiri: secondo la leggenda il vostro amore durerà in eterno.

21. Immergetevi nei colori di Burano

È meno conosciuta di Venezia, sorge nella laguna veneziana ed è famosa per i suoi merletti. Stiamo parlando di Burano, un'isola attraversata da canali e ponti e famosa perché si presenta, agli occhi dei visitatori, come un tripudio di colori. In passato, le famiglie dipingevano le loro case per distinguerle le une dalle altre e oggi questo arcobaleno urbanistico è la principale attrazione locale.

22. Rilassatevi nelle acque termali di Saturnia

Dal Monte Amiata fino alla Maremma, in Toscana, sgorgano sorgenti di acqua termale che alimentano i bagni di Saturnia. Questa città termale è perfetta per chi vuole fare una vacanza all'insegna del riposo e del benessere: le proprietà terapeutiche delle sue acque hanno ormai raggiunto fama mondiale. Tra una passeggiata nei boschi e un bagno terapeutico, ripartirete ringiovaniti e con la voglia di tornare anche il prossimo anno.

23. Un incontro ravvicinato con stalattiti, stalagmiti e fossili alle Grotte di Castellana

Siete pronti per un'esperienza indimenticabile a 70 metri di profondità? Le Grotte di Castellana, nelle Murge sud orientali in provincia di Bari, possono essere visitate tutto l'anno. Scegliete tra due tipologie di escursioni di durate differenti e osservate da vicino spettacolari conformazioni rocciose risalenti a migliaia di anni fa.

24. Mangiate i confetti di Sulmona

Sulmona è la patria dei confetti: in città ne vengono prodotti di altissima qualità e in una varietà di gusti che vi lascerà solo l'imbarazzo della scelta. Sapevate che Sulmona è anche la patria del poeta latino Ovidio? Tra monumenti medievali, fontane marmoree e chiese che custodiscono stucchi settecenteschi, Sulmona è il posto giusto per fare un tuffo nella storia e nelle tradizioni.

25. Scoprite una città ligure... in Sardegna

Stiamo parlando di Carloforte, in provincia di Carbonia-Iglesias, che fu fondata nel Settecento da una colonia di pescatori liguri di ritorno dalla Turchia. Questi uomini portarono con sé le tradizioni e il dialetto della Liguria, ancora oggi ben radicati a Carloforte. La località è un paradiso per gli amanti delle immersioni e delle spiagge di sabbia bianca, ma vanta anche alcune architetture antiche di tutto rispetto e una delle tonnare più importanti e suggestive della Sardegna.

26. Individuate le statue più curiose del Duomo di Milano

Salendo i 300 gradini che conducono al tetto del più famoso monumento milanese potrete camminare tra 135 splendide guglie, la più antica della quale risale alla fine del Trecento. Divertitevi a scovare le statue più bizzarre tra demoni, pugili e perfino una figura che ricorda chiaramente la Statua della Libertà. Una volta in cima, potrete camminare anche a pochi passi dalla famosa Madonnina. Anche se da Piazza del Duomo la scultura appare piuttosto piccola, lo sapevate che è alta ben 4 metri?

1437px-Milan_Cathedral_from_Piazza_del_Duomo.jpg?1561371646

Duomo di Milano - By Jiuguang Wang - Own work, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=11566236

27. Respirate l'atmosfera rinascimentale e moderna del centro di Firenze

È impossibile visitare Firenze senza fermarsi ad ammirare la Chiesa di Santa Maria del Fiore, il campanile di Giotto e la maestosa cupola del Brunelleschi, scorgibile da (quasi) ogni punto della città. Passeggiando tra vie ed edifici che hanno scritto la storia dell'arte, rimarrete però sorpresi dalla forte atmosfera di modernità del capoluogo toscano. Guardatevi intorno e divertitevi a scovare i segnali stradali modificati da Abraham Clet, uno dei tanti artisti che hanno scelto la città come galleria per la propria street art.

28. Conoscete la storia della misteriosa civiltà nuragica?

In Sardegna vi attendono oltre settemila complessi nuragici, tutti risalenti a circa 4000 anni fa. In questi siti archeologici vedrete antiche capanne disposte a cerchio, piccoli templi, tombe e decorazioni funebri. I più belli e meglio conservati? Quello di Palmavera, vicino ad Alghero, e quello di Barrumini, nel sud della Sardegna.

29. Visitate un museo davvero particolare nella Mole Antonelliana

Con i suoi 167 metri di altezza, la Mole Antonelliana è visibile da tutti i quartieri di Torino ed è il simbolo architettonico indiscusso della città. Inizialmente concepita come sinagoga, la Mole ospita il Museo Nazionale del Cinema, con mostre interattive permanenti e temporanee sui più importanti film, registi e attori che hanno fatto la storia del grande schermo. Tra costumi e oggetti di scena originali, come le maschere utilizzate sul set di Guerre Stellari e il mantello di Superman, è un vero e proprio paradiso per i cinefili.

30. Degustate un bicchiere di Chianti sulle colline in cui viene prodotto

La zona del Chianti è ricca di cose da fare e da vedere: oltre a suggestivi borghi medioevali, infatti, vanta splendidi castelli, eleganti dimore rinascimentali e bellissime colline. Avrete una vastissima gamma di agriturismi, taverne e cantine tra cui scegliere per un pranzo o una cena tipica toscana a base di pici, Chianina e ovviamente, del buon Chianti. Siete indecisi sul periodo in cui partire? Organizzate il vostro viaggio in autunno per partecipare alla vendemmia!

31. Scopri i segreti del sottosuolo di Milano

Nascosto sotto Piazza Oberdan, in zona Porta Venezia a Milano, vi aspetta un luogo piuttosto insolito: l'Albergo Diurno Venezia. No, non si tratta di un hotel, ma di uno splendido esempio di bagni pubblici in stile Art Déco realizzati nei primi decenni del Novecento e oggi visitabili in giorni specifici. Utilizzato da chi viveva in zona e dai passeggeri in arrivo alla stazione, ospitava un parrucchiere, un barbiere, servizi di bellezza e per la cura del corpo e perfino una lavanderia.

32. Immortalate i più bei tramonti su Roma

Romantici e fotografi amatoriali all'appello! Volete immortalare il cielo di Roma come non lo avete mai visto prima, magari alla luce del tramonto? Salite al punto più alto del Vittoriano in Piazza Venezia, raggiungete la Terrazza del Pincio, nel cuore di Villa Borghese, o quella del Gianicolo. Se optate per quest'ultima e preferite i colori diurni, raggiungete la cima del colle a mezzogiorno in punto. Assisterete anche al tradizionale sparo del cannone, il cui colpo risuona in tutta la città.

33. Non solo Napoli, ma anche Perugia sotterranea

Napoli è famosa, tra le altre cose, per la fitta rete di cunicoli sotterranei che in varie epoche passate furono utilizzati come cisterne idriche o rifugio da guerre e persecuzioni. Ma non tutti sanno che anche il sottosuolo di Perugia è testimone di secoli e secoli di storia: nelle viscere della Cattedrale di San Lorenzo troverete infatti resti etruschi, mura di pietra e fondazioni romane che si estendono per oltre un chilometro.

34. Dal vulcano al mare in meno di un'ora

In Sicilia, e più precisamente nella provincia di Catania, in meno di un'ora potrete passare dalle vette innevate dell'Etna al mare limpido di Taormina. Dopo una visita al celebre Teatro Greco e un buon bicchiere di granita, rigorosamente accompagnata dalla brioche, passate alle alte quote. Un'idea alternativa per esplorare il vulcano e l'area circostante rimanendo a stretto contatto con la natura potrebbe essere quella di prenotare un'escursione guidata in jeep.

1440px-View_of_Mount_Etna_from_Reggio_Calabria_-_Italy_-_10_Feb._2017_-_%281%29.jpg?1561372167

Etna - Di Jacopo Werther, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=56187786

35. Ordinate un piatto di porchetta nelle caratteristiche "fraschette" di Ariccia

Chiese antiche, suggestivi conventi, splendidi borghi medioevali e una lunga e ricca tradizione enogastronomica: nella zona dei Castelli Romani non manca proprio niente, neanche il buon cibo. Quale modo migliore per assaggiare qualche specialità tipica se non nell'atmosfera familiare e chiassosa di una tradizionale "fraschetta" di Ariccia? Non dimenticate di annaffiare il tutto con della Romanella frizzante o uno dei tanti vini dei Colli Albani.

36. Perdetevi nei meandri del labirinto più grande del mondo

In provincia di Parma, e per l'esattezza a Fontanellato, c'è il Labirinto della Masone. Con i suoi svariati percorsi, alcuni dei quali lunghi tre chilometri, e gli oltre 70 mila metri quadrati di superficie, è il più grande di tutto il pianeta. Avventuratevi tra le 200.000 piante di bambù di venti specie diverse fino al perfetto centro della pianta a stella e divertitevi a trovare l'uscita nel minor tempo possibile.

37. Addentratevi nella Grotta Azzurra di Capri

A Capri potrete vivere una vacanza all'insegna del mare, del relax e del benessere. E non solo: l'isola è anche la meta giusta per chi ama i ristoranti stellati e la vita mondana. Salite su una delle barchette di legno che conducono alla suggestiva Grotta Azzurra, ma fate attenzione alla testa: per passare attraverso l'apertura dell'antro, stretta e irregolare, dovrete necessariamente sdraiarvi.

38. Sfrecciate sulla neve a Cormayeur

100 chilometri di piste innevate, un vivace centro storico, e l'imponente Monte Bianco a fare da sfondo: il sogno di tutti gli appassionati di sport invernali si chiama Cormayeur e si trova a pochi chilometri da Aosta. Se non soffrite di vertigini e volete provare un'esperienza completamente nuova ad alta quota, provate Il passo nel vuoto. Si tratta di un cubo di vetro interamente trasparente, sospeso a 3.842 metri di altitudine nel paesaggio delle Alpi Graie.

39. Visitate le cantine delle Langhe

Tra le dolci colline delle Langhe corre la Strada del Barolo, un percorso di degustazione che vi farà scoprire alcuni dei vini più rinomati di tutta Italia. L'associazione responsabile riunisce circa un centinaio di soci tra aziende e attrazioni turistiche di 18 comuni, che vi accompagneranno lungo un viaggio dove protagonisti indiscussi sono la cultura e il vino.

40. Uno sguardo all'insù verso la Ghirlandina di Modena

Non è famosa come la Torre di Pisa, ma anche la Ghirlandina di Modena non scherza affatto in quanto a pendenza. La torre campanaria, parte del complesso del Duomo, vigila infatti sugli abitanti del centro storico dall'alto dei suoi 86 metri e... qualche centimetro di inclinazione. Sapevate che è stata costruita in seguito a un ambizioso progetto di realizzare il campanile più alto d'Italia e, soprattutto, superare le torri bolognesi?

41. Sporgetevi da un'insolita finestra di Bologna

La chiamano "grassa" per la sua ricca cucina, "dotta" perché ospita l'università più antica d'Europa e "rossa" per il caratteristico colore dei tetti. Bologna è una città che non smette mai di stupire, tanto dall'alto delle sue torri, quanto tra il fascino dei suoi porticati dove si nascondono piccoli gioielli. Uno di questi è la finestrella di Via Piella, affacciata su un canale che scorre tra le case colorate.

42. Lasciatevi rapire dagli affreschi di Giotto a Padova

Padova vanta una delle piazze più estese d'Europa e custodisce alcuni gioielli artistici e architettonici imperdibili. Uno su tutti? La Cappella degli Scrovegni, che nella sua navata ospita un incantevole ciclo di affreschi realizzati da Giotto agli inizi del Trecento. Approfittatene per provare i bigoli, una pasta tipica molto simile agli spaghetti, in una delle tante trattorie del centro.

43. Concedetevi un fine settimana all'insegna del relax in Toscana

San Casciano dei Bagni, un piccolo comune in provincia di Siena, è particolarmente noto per le sue sorgenti termali naturali, le cui acque sgorgano a una temperatura di 40 gradi. Non è tutti sanno però che, a breve distanza dalle principali strutture, sorgono diverse vasche di acqua calda completamente gratuite. Sono antichi lavatoi scavati nella pietra, immersi in uno splendido paesaggio naturale. Riuscite a immaginare qualcosa di meglio?

1620px-SanCascianoDeiBagniPanorama3.JPG?1561372845

San Casciano dei Bagni - By LigaDue - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=41175138

44. Fotografate i pavoni bianchi dell'Isola Madre

Una gita al Lago Maggiore vi farà scoprire una natura incontaminata, scorci romantici e suggestivi borghi antichi. Prendete una delle imbarcazioni che conducono alle Isole Borromee. Imperdibili sono Isola Bella, famosa per il palazzo del Borromini che svetta al centro, e l'Isola Madre, nel cui giardino esotico vivono molti esemplari di pavoni bianchi.

45. Costiera Amalfitana: panorami e natura mozzafiato

La costa selvaggia, le calette nascoste e i paesini a picco sul mare rendono la Costiera Amalfitana una delle zone più suggestive dell'intera penisola. Percorrete la strada panoramica in auto o avventuratevi lungo il Sentiero degli dei, che si estende dalla collina di Agerola fino a una frazione di Positano. Questo percorso sospeso tra miti e leggende è a tutti gli effetti un angolo di paradiso naturale per gli amanti del trekking.

46. Osservate gli artigiani della ceramica di Deruta all'opera

Le origini etrusche di Deruta, delizioso borgo in provincia di Perugia, vivono ancora nella secolare tradizione della ceramica. Passeggiando per le stradine del centro vi imbatterete in decine di botteghe: entrate per vedere gli artigiani creare o decorare preziosi oggetti a mano e scegliete un souvenir del vostro viaggio. Alcuni negozi offrono anche corsi di un giorno per imparare a decorare la ceramica. Mettetevi alla prova!

47. Tuffatevi nelle acque cristalline di Ponza

Di fronte alla costa del Lazio c'è la bellissima isola di Ponza: raggiungetela in traghetto e concedetevi un po' di relax a Chiaia di Luna, Cala Inferno o Cala Fonte, tre delle sue spiagge più belle. Al tramonto le stradine del centro storico prendono vita, ma prima di tuffarvi nella movida di Ponza rifocillatevi in uno dei ristoranti vicino al porto che servono specialità a base di pesce fresco.

48. Non abbiate paura dei mostri di Bomarzo!

Il Parco dei Mostri di Bomarzo, voluto dal principe Pier Francesco Orsini nel Cinquecento, è una delle attrazioni più curiose del Belpaese. Immerso nel verde, questo giardino a pochi chilometri da Viterbo prende il nome dai mostri mitologici di roccia che lo popolano. Niente di cui avere paura, solo tanto divertimento per grandi e piccini.

49. Un giro tra i sassi più famosi d'Italia

Fate un tuffo nel passato passeggiando tra i Sassi, i tipici agglomerati di abitazioni di Matera scavati nella roccia tufacea. Buona parte del centro storico conserva fiera le fattezze della città rupestre. Qui tra strapiombi e dirupi, stradine e gradinate ripide, resistono ancora aggrappate al promontorio le cosiddette case-grotta. Si tratta di dimore di un unico vano abitate da famiglie contadine, alcune delle quali ancora visitabili.

50. Visitate il misterioso borgo di Pentedattilo

Il borgo calabrese di Pentedattilo, arroccato sulla rupe del Monte Calvario, prende il nome proprio da questo promontorio che ha la curiosa forma di una mano. A causa di alcuni terremoti è disabitato, e la leggenda secondo la quale proprio nel borgo si sarebbe consumata la Strage degli Alberti non fa che accrescere l'alone di mistero. Visitatelo d'estate in occasione del Paleariza, un importante festival etnico e musicale.

51. Fate un tuffo dagli scogli della Spiaggia di Pollara

Sull'isola di Salina, alle Eolie, c'è la Spiaggia di Pollara, un paradiso di sabbia e ciottoli bagnato da acque cristalline e incastonato tra due alte rocce. Si tratta di una località intima, dall'aspetto selvaggio e primitivo, che potrete raggiungere tramite un ripido sentiero che parte dal paesino di Malfa. È qui che, nel film "Il Postino", il poeta Neruda faceva il bagno. La riconoscete?

52. Visitate il borgo montano di Visso

È un paesino appenninico in provincia di Macerata e non a caso rientra nel Club dei Borghi più belli d'Italia. È infatti noto come la Perla dei Monti Sibillini per la bellezza della cinta muraria, delle residenze gentilizie e di dettagli che tramandano la sua nobile storia. Visitatelo nei mesi estivi per assistere alle rassegne del Poliphonica Festival, che hanno visto esibirsi artisti dello scenario musicale nazionale e internazionale.

53. Il miglior modo per vedere il Lago di Como? Da una funicolare!

Il Lago di Como è talmente rinomato che sulle sue sponde hanno deciso di comprare casa molti attori e registi famosi. Una buona soluzione per osservarlo da una prospettiva differente è prendere la funicolare che da Como porta a Brunate. Il lago vi si aprirà davanti agli occhi in tutta la sua magnificenza e, se siete amanti delle escursioni a piedi, potrete scendere verso Como tramite due suggestivi sentieri.

1750px-Vista_di_Cernobbio_da_Brunate.jpg?1561372982

Vista di Cernobbio dal faro Voltiano di Brunate, di Luca Casartelli - Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=19042840

54. I 100 orizzonti di Asolo

La chiamano la Città dei Cento Orizzonti perché, grazie alla sua posizione, offre viste spettacolari da qualsiasi punto ci si guardi intorno: è Asolo, un borgo medievale che tra Vicenza e Treviso. Non perdete l'occasione di visitare la Rocca Braida, maestosa costruzione in cima al Monte Ricco dalla quale, nelle giornate di cielo limpido, potrete scorgere anche la laguna di Venezia.

55. Arpino: sulle orme di Cicerone

In provincia di Frosinone, tra la Valle del Liri e la Val Comino, c'è Arpino. Questo delizioso borgo antico diede i natali a Cicerone. Qui tutto ricorda e omaggia il grande scrittore, come la statua commemorativa nel cuore del centro storico.

A proposito del centro, una curiosità: è proprio alla sua particolare forma ad arpa che il paese deve il suo nome.

56. Un viaggio tra le bontà del Parco Nazionale dell'Aspromonte

I paesi dell'Aspromonte hanno molto da raccontare e sanno farlo perfettamente attraverso i propri prodotti locali. Organizzate un tour gastronomico nel calabrese iniziando da Ciminà e il suo caciocavallo, ottimo se mangiato sia fresco, appena prodotto, che cucinato alla griglia. Proseguite verso Gerace per una scorpacciata di "rafioli" ricoperti di glassa allo zucchero e terminate il vostro viaggio tra i sapori a Mammola, patria della ricotta affumicata dalla strana forma di fungo.

57. Il teatro più piccolo del mondo si trova in Umbria

Il paese di Monte Castello di Vibio, a pochi chilometri da Todi, vanta un singolare primato: è qui che si trova il teatro più piccolo del mondo. Il Teatro della Concordia conta infatti meno di 100 posti a sedere e custodisce al suo interno dei preziosi affreschi, che contribuiscono a renderlo una delle attrazioni più visitate di tutta l'Umbria.

58. Fate un giro tra i vicoli del borgo medievale di Corinaldo

Salite lungo i 100 gradini della Piaggia, la scalinata che vi condurrà direttamente nel cuore di Corinaldo, e immergetevi nell'atmosfera magica di questo borgo delle Marche. In una via laterale a metà della scalinata vi troverete davanti alla facciata di una casa con tanto di numero civico, ma non finita. È la dimora di Scuretto, un artigiano dedito ai piaceri del vino che sperperò tutti i soldi inviati dal figlio in America e destinati alla costruzione della casa.

59. Partecipate al Trento Film Festival

Trento ospita ogni anno uno dei festival cinematografici più apprezzati e conosciuti al mondo, che richiama un gran numero attori, registi e musicisti. A volere l'istituzione di questo festival, nel 1952, fu il Club Alpino Italiano, la più antica associazione del suo genere in Italia. Un bel connubio, quello tra cinema e alpinismo, che punta a raccontare in immagini la riflessione sul rapporto tra uomo e natura.

60. Rocca Calascio, una delle location preferite dai registi di tutto il mondo

In Abruzzo, a quasi 1500 metri di altitudine sul mare, si erge la fortificazione di Rocca Calascio. Per molto tempo abbandonato, oggi il borgo è tornato a essere una meta turistica molto gettonata grazie ai diversi registi che l'hanno scelto come set per i loro film. Ladyhawke, Il Nome della Rosa e The American sono solo alcuni dei film girati in questa spettacolare scenografia naturale.

1613px-Roccacalascio.jpg?1561373216

Rocca Calascio - Di Paoladc91 - wikipedia.org/wiki/File:Roccacalascio.jpg, CC0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=38956774### 61. Tornate bambini nel Parco di Pinocchio a Collodi

Collodi, piccola frazione in provincia di Pistoia, è nota in tutto il mondo per aver dato i natali all'autore di una delle storie più amate da grandi e piccini, quella di Pinocchio. Proprio al famoso burattino è dedicato il parco tematico che attira ogni anno centinaia di visitatori. Passeggiate tra i cespugli, i mosaici, le giostre di legno e i percorsi del parco: vi sembrerà di tornare bambini e che il tempo si sia fermato lì, nel Paese dei balocchi.

62. Un giro in collina in piena città: visitate Bergamo

Sapevate che anche Bergamo, come Roma, è disposta su 7 colli? Affacciata sulla Città Bassa proprio dall'alto di un colle, la Città Alta racchiude il centro storico ed è raggiungibile in funicolare o con una lunga ma piacevole camminata a piedi. Fate un giro in Piazza Vecchia per ammirare la Torre Civica, la Basilica di Santa Maria Maggiore e quella che sembra essere una delle case più strette al mondo.

63. Prendete la tintarella su una delle spiagge più belle della Liguria

Concedetevi qualche ora di relax alla Baia dei Saraceni, raggiungibile percorrendo la strada costiera panoramica che unisce Finale Ligure e Varigotti. La baia deve il suo nome alla popolazione che la scelse per la posizione riparata e sicura, difficilmente raggiungibile via terra. È tutt'oggi particolarmente apprezzata per le sue acque limpide, la vegetazione selvaggia e le scogliere che si tuffano a picco nel mare.

64. Assaggiate i pizzoccheri in Valtellina

I pizzoccheri, uno dei piatti tipici della tradizione culinaria valtellinese, sono un tipo di pasta dalla forma schiacciata, preparata con farina di grano saraceno. Uno dei luoghi ideali per assaggiare la versione originale, condita con burro fuso, aglio e abbondante formaggio, è senza dubbio la località di Teglio, in provincia di Sondrio.

65. Trascorrete la notte in un trullo

Se dici trullo, dici Alberobello. Così si chiama la cittadina in provincia di Bari nota per queste caratteristiche abitazioni dal tetto a punta, all'interno delle quali potrete anche dormire. Su Expedia troverete una vasta selezione di trulli per tutti i gusti e tutte le tasche. Visitate il trullo siamese nel Rione Monti e il trullo sovrano, alto ben 14 metri, e provate qualche specialità tipica locale in uno dei ristoranti o delle taverne che si trovano, naturalmente, all'interno dei trulli.

66. Scoprite specie naturali autoctone a Capracotta

Il Giardino della Flora Appenninica di Capracotta si estende su un territorio di 10 ettari alle falde del Monte Campo. A renderlo speciale è il fatto di essere uno dei pochi orti botanici naturali in Italia, ovvero la maggior parte delle specie naturali presenti è endemica e cresce spontanea. Dal 2016, al parco è inoltre presente il Percorso di sensi, un progetto volto a favorire l'inclusione di persone con disabilità sensoriali, motorie ma anche famiglie e anziani.

67. Deliziate il palato con le ciambelline al vino di Velletri

È impossibile visitare Velletri e i suoi dintorni senza assaggiare una ciambellina al vino, magari intingendola in un bicchiere di vino rosso, come vuole la tradizione. Organizzate il vostro viaggio nel mese di aprile per prendere parte anche alla Festa del carciofo alla matticella, importante manifestazione che celebra un'altra specialità culinaria della città.

68. Un viaggio nella Torino esoterica, tra magia e mistero

Pare siano i due fiumi che scorrono a Torino, il Dora e il Po, a conferire alla città il potere esoterico della magia bianca e della magia nera. Per una gita alternativa di Torino partite da Piazza Statuto, dove le statue e i monumenti che la affollano celerebbero significati arcani. Poi proseguite fino al Duomo, dove è custodita la Sacra Sindone, e raggiungete l'abitazione in cui visse Gustavo Rol, uno dei più famosi sensitivi italiani.

69. Ostuni, la città bianca

In provincia di Brindisi, si trova una città le cui abitazioni sono così bianche che sembrano quasi brillare alla luce del sole. Ma perché le case di Ostuni sono così bianche? Oltre a ragioni igieniche che imponevano l'uso della calce, una delle leggende narra di un fine prettamente strategico: la luce del sole riflessa sulle case avrebbe abbagliato chiunque giungesse ad attaccare la città dal mare.

70. Gustate i piatti tipici di Genova passeggiando tra i caratteristici carruggi

Le strette vie del centro storico di Genova, conosciute come carruggi, custodiscono i palazzi più antichi della città. Tra queste stradine troverete anche molti ristoranti e trattorie dove assaggiare la tipica focaccia, che i genovesi mangiano praticamente a tutte le ore del giorno, o piatti al pesto, dalle lasagnette ai minestroni. Avete già l'acquolina, vero?

71. Leccatevi i baffi all'Eurochocolate di Perugia

Da anni, Perugia ospita nel mese di ottobre un goloso festival dedicato al cioccolato. Durante questa manifestazione, lungo Corso Vannucci e Piazza Matteotti, vari artisti espongono le loro opere d'arte, fatte appunto interamente di cioccolato. Non cedete alla tentazione di mangiarle: limitatevi a qualche scatto e proseguite verso gli stand per gli assaggi!

72. Parma: non solo prosciutto e parmigiano

La città di Parma è la terra di due dei prodotti D.O.P. italiani più apprezzati, il parmigiano e il tipico prosciutto locale che dalla città prende il nome. Ma Parma ha anche un ampio patrimonio artistico e culturale. Esploralo in modo originale con il tour gratuito Archeo-Bike, un itinerario ciclo-turistico a portata di grandi e piccini.

1557px-Parma-pjt7.jpg?1561373324

Palazzo del Governatore, Parma - By Pjt56 - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=71006741

73. Un giro a piedi nella Città della Carta

Passeggiate tra le viuzze e le piazze di Fabriano e raggiungete il Museo della Carta e della Filigrana, dove potrete immedesimarvi nei mastri cartai locali del tredicesimo secolo e a creare un foglio di carta fatto a mano. Nella Città della carta vi attende anche il Museo del Pianoforte Storico e del Suono, dove sono esposti 18 pianoforti del Sette, Otto e Novecento.

74. Tuffatevi nell'atmosfera natalizia dei mercatini di Bolzano

Bolzano è la città giusta se state cercando una meta in cui ammirare monumenti e opere d'arte, ma anche fare passeggiate nella natura e dedicarvi agli sport invernali. Un consiglio? Organizzate il vostro viaggio nel periodo natalizio, quando il centro storico si trasforma in un grande mercatino che vi farà tornare bambini. Sorseggiate un bicchiere di vin brulè, mangiate un piatto di raclette e acquistate bellissimi giocattoli in legno dagli artigiani locali.

75. Lasciatevi rapire dai mille colori del Castello di Sammezzano

A Leccio, in provincia di Firenze, c'è il seicentesco Castello di Sammezzano, una fortezza in stile eclettico caratterizzata da un'elegante facciata in pietra rossa. Ma la vera sorpresa è all'interno: le sale del castello, infatti, sono un tripudio di forme e colori. Entrate nella Sala dei Pavoni o in quella del Giglio e guardate il soffitto: ammirerete uno degli esempi di arte orientalista più importanti d'Italia. Per finire, fate un giro nel bellissimo (e vastissimo) parco curato della dimora.

76. Avete mai visto un campanile emergere dalle acque di un lago?

Proprio così, avete letto bene. Se la risposta è no e morite dalla curiosità, visitate Curon Venosta, vicino a Bolzano, e raggiungete le sponde del Lago Resia. Proprio a causa della costruzione di questo bacino d'acqua artificiale, il vecchio centro abitato fu interamente sommerso insieme allo splendido campanile del Trecento. In inverno, quando le acque si congelano, è possibile raggiungere la punta della torre anche a piedi.

77. Provate lo street food di Napoli

Tra un giro in Piazza del Plebiscito e un salto in collina al Vomero, provare lo street food delle vie di Napoli è quasi un obbligo. La pizza è naturalmente la regina: se non volete sedervi a un ristorante, compratene una "a portafoglio" da mangiare in giro per la città. Avete voglia di qualcosa di diverso? Provate un panino con polpette e ragù, un "cuoppo" di fritture miste o addirittura le sfogliatelle ripiene di salsiccia e friarielli, una verdura simile alle cime di rapa.

78. Fate un giro tra i suggestivi borghi della Carnia

Il nord-ovest del Friuli-Venezia Giulia, dove si trova la Carnia, è famoso per alcuni imperdibili borghi antichi. Ad Alta Terme vi attendono centri termali e passeggiate a cavallo, a Sutrio potrete acquistare splendidi oggetti artigianali realizzati in legno, mentre a Sauris gusterete dell'ottimo prosciutto e buonissime birre artigianali. Se vi sembrerà di sentir parlare una lingua molto particolare, non date la colpa alla gradazione alcolica! A Sauris, infatti, si parla un antico dialetto derivante dal tedesco.

79. Mare, storia e natura: un giro nel Cilento

Grazie a un litorale selvaggio, a incantevoli siti archeologici e a caratteristici paesini arroccati in collina, il Cilento regala una sorpresa dopo l'altra. Lasciatevi rapire dai templi greci di Paestum e passeggiate tra i resti dell'area archeologica di Velia, poi concedetevi qualche ora di relax sulle spiagge dorate di Palinuro o tra le scogliere di Punta Licosa. E non dimenticate di visitare la Certosa di Padula, una maestosa cittadella conventuale costruita tra il Tre e l'Ottocento.

80. Murano: l'arte del vetro soffiato

Prendete un vaporetto da Venezia e raggiungete Murano, l'isola lagunare famosa per la lavorazione del vetro soffiato. Se dopo aver acquistato qualche oggetto, o magari un gioiello, volete scoprire la storia di questa secolare tradizione, perché non fate un giro tra le sale del Museo del Vetro, fondato nel 1861?

81. Lo sapevate che esiste un giardino ispirato ai tarocchi?

Proprio così: a Capalbio, in Toscana, potete passeggiare in un giardino popolato di statue che raffigurano gli arcani maggiori dei tarocchi, tra cui l'Imperatore, la Torre e il Diavolo. Ma non cercate una visita guidata: proprio per volontà dell'artista Niki de Saint Phalle, l'esperienza del giardino deve essere interpretata individualmente da ogni persona che lo visita.

82. Esplorate le bellezze della cosiddetta Roma delle Alpi

Stiamo parlando di Aosta, che si è guadagnata questo soprannome per la sua ricchezza di opere d'arte e monumenti antichi. La cattedrale di Santa Maria Assunta, con i suoi mosaici del Trecento, è un'attrazione imperdibile. Meta molto apprezzata per la sua vicinanza ad alcune delle stazioni sciistiche più importanti d'Italia, Aosta vanta anche imponenti fortezze medioevali e un'ottima cucina.

83. Visitate Modica per mangiare dell'ottimo cioccolato

Perdetevi tra le stradine di Modica, che non vanta solo incantevoli chiese barocche e suggestivi palazzi d'epoca. La cittadina del ragusano è famosa infatti per il suo ottimo cioccolato che si ottiene da una particolare lavorazione a freddo con l'aggiunta di zucchero grezzo, proprio come facevano gli aztechi. Secondo la tradizione viene aromatizzato con cannella o vaniglia, ma troverete anche cioccolato all'anice, alla carruba o al pepe bianco.

1626px-Modica__Duomo_di_San_Giorgio.jpg?1561373922

La facciata della Chiesa Madre di San Giorgio - Di Ruggero Poggianella - Flickr: Modica, Duomo di San Giorgio (CC BY-SA 2.0, commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=16612502)

84. Pianificate una giornata in un parco a tema

In Italia avrete solo l'imbarazzo della scelta. State pensando a una giornata all'insegna dell'adrenalina? Gardaland e Mirabilandia, con le montagne russe e le attrazioni acquatiche sono il posto giusto. Se viaggiate con i vostri figli, invece, potreste andare a Fiabilandia o all'Italia in Miniatura, dove sono riprodotti in scala i più importanti monumenti del Belpaese.

85. Scoprite le bellezze del Monte Argentario in bicicletta

Un mezzo divertente ed ecologico per esplorare tutti i monumenti e le attrazioni naturali del Monte Argentario? La bicicletta! Il percorso che vi porterà alla scoperta dei borghi antichi di Porto Ercole e Porto Santo Stefano, nonché delle torri costiere, delle spiagge e delle calette può essere impegnativo (ed è spesso in salita), ma i panorami e gli scorci vi ripagheranno di tutta la fatica.

86. Assistete a un concerto o a un'opera lirica all'Arena di Verona

Date un'occhiata al calendario degli eventi che si tengono nel bellissimo anfiteatro di Verona, il terzo più grande d'Italia. Oltre ai concerti dei più popolari artisti italiani e non, all'Arena si svolge ogni anno il Festival Lirico Areniano. La prima rappresentazione? L'Aida di Giuseppe Verdi, nel 1913.

87. Fate un tuffo nella preistoria in Valcamonica

In Valcamonica vi attende il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane, 14 ettari di superficie dove sono custodite 104 rocce incise tra il Neolitico e l'Età del Ferro. Seguite i cinque percorsi guidati in cui troverete utili pannelli informativi, ma ricordate di indossare delle buone scarpe da trekking: la visita, infatti, dura almeno quattro ore.

88. Scoprite di più sulla tradizione della liuteria a Cremona

Lo sapevate che Cremona è la capitale del violino? Passeggiando per le strade della città troverete più di 200 botteghe, tra cui quella in cui lavorò il celeberrimo Antonio Stradivari. Potreste visitare anche il Museo del Violino e assistere a un'esibizione in una sala dall'eccellente acustica. Non lasciate Cremona senza aver provato una fetta di torta Bertolina, preparata con l'uva fragola.

89. Partecipate alla Notte Rosa romagnola

La Notte Rosa romagnola, che si svolge tutti gli anni il primo fine settimana di luglio, è un evento unico nel suo genere. Oltre cento chilometri di litorale si trasformano in una festa a cielo aperto, dove potrete assistere a concerti gratuiti, vedere spettacoli di giocolieri e partecipare a sagre gastronomiche. Il comun denominatore è il colore rosa, di cui si tingono (grazie a un effetto luminoso) anche i monumenti più importanti della zona.

90. Lasciatevi rapire dalla natura incontaminata delle isole Eolie

Alle Eolie vi attendono incantevoli borghi antichi dove il tempo sembra essersi fermato, aree naturali incontaminate, suggestivi vulcani e alcune delle spiagge e delle calette più belle della nostra penisola. E tra le specialità tipiche, non perdete il pane cunzato, una sorta di bruschetta circolare condita con olio d'oliva, pomodori, origano e capperi, tutto rigorosamente di produzione e coltivazione locale.

91. Perché non scoprite il lato gastronomico delle Dolomiti?

Le Dolomiti, lo sappiamo, regalano panorami unici. Ma lo sapevate che la zona vanta anche una gastronomia di tutto rispetto? La specialità di Ortisei, ad esempio, sono i canederli allo speck serviti in brodo o in salsa di burro, mentre a San Virgilio di Marebbe potrete gustare il gulasch, piatto tipico della tradizione ladina. E se passerete per l'Alta Pusteria, ordinate delle strauben, frittelle farcite con panna e frutti rossi.

92. Fate un viaggio nel Medioevo a Este

Este, in provincia di Padova, è tra i centri murati medioevali meglio conservati di tutta Italia. Fate una passeggiata lungo le mura di cinta, larghe quasi due metri e intervallate da una dozzina di torri, e raggiungete infine il maestoso Castello Carrarese del Trecento. E nel Museo nazionale atestino potrete passare in rassegna un gran numero di reperti preistorici e medioevali, tra cui utensili in bronzo e armature.

93. Avete mai sentito parlare della Costa dei Trabocchi?

Stiamo parlando del tratto di litorale abruzzese compreso tra Vasto e Ortona e caratterizzato dalla presenza dei "trabocchi", alte palafitte in legno che, in passato, permettevano ai "traboccanti" di pescare in mare anche senza possedere imbarcazioni. I più famosi? Il Trabocco Punta Torre e quello noto come Spezzacatena.

1618px-Costa_dei_Trabocchi_-_panoramio.jpg?1561374140

Costa dei Trabocchi - By maury3001 (CC BY 3.0, commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=54649317)### 94. Visitate un castello che sembra uscito da una fiaba

Su un'altura del paesino di Savignano, a pochi chilometri da Bologna, si erge la Rocchetta Mattei, una costruzione davvero particolare perché mescola in modo eclettico stili molto diversi tra loro, tra cui il bizantino, il moresco e il medioevale. Il palazzo fu voluto alla metà dell'Ottocento dal Conte Mattei, che al suo interno ricreò una corte medioevale con tanto di dame e giullari.

95. Cosa ne pensate di un corso di cucina nella splendida cornice di Sorrento?

Dopo aver ammirato i bellissimi scorci del centro di Sorrento e aver visitato il Duomo, perché non dedicate un pomeriggio a un corso di cucina? Imparerete a preparare i famosi gnocchi alla sorrentina, conditi come da tradizione con pomodoro fresco, basilico e fiordilatte, e i deliziosi babà al limone.

96. Scoprite un po' di Egitto nel cuore di Torino

Forse non tutti sanno che il secondo museo egizio più importante del mondo, secondo solo a quello del Cairo, si trova a Torino. Nasce dalla collezione dei Savoia, che iniziarono a custodire reperti egizi già nel Seicento, e oggi conta 8000 pezzi tra busti, tele, papiri, mummie e gioielli. Vederli tutti è quasi impossibile, ma non perdete la statua del faraone Ramses II!

97. Passeggiate tra i palazzi in stile liberty di Roma

Se volete scoprire una zona di Roma davvero insolita, allora raggiungete il quartiere Coppedè, voluto agli inizi del Novecento dall'omonimo architetto. Ammirate il Palazzo degli Ambasciatori e la Palazzina del Ragno, che con le loro forme eclettiche ricordano le architetture di Gaudì a Barcellona, e lasciatevi conquistare dalla Casina delle Civette nel cuore di Villa Torlonia, che fonde elementi gotici e liberty.

98. Anche Milano ha la sua zona liberty

Nel quartiere Maggiolina ci sono otto case a forma di igloo, suggestive strutture realizzate negli anni Sessanta del Novecento che sono abitate ancora oggi. In Via Malpighi non perdete Casa Galimberti, che vi colpirà per l'enorme decorazione in ceramica dipinta a mano che ricopre la facciata, mentre Palazzo Castiglioni, costruito agli inizi del Novecento, è il più antico edificio liberty del capoluogo lombardo.

99. Organizzate un tour delle abbazie marchigiane

Sono davvero tante le abbazie che potete visitare nelle Marche. Non sapete quali scegliere? L'Abbazia di Fiastra è immersa nella splendida cornice naturale di Tolentino, mentre l'Eremo di Monte Giove, a Fano, è una spettacolare costruzione seicentesca che si erge in cima a un colle. Imperdibile è anche il Monastero di Fonte Avellana, citato anche da Dante nella Divina Commedia.

100. Scoprite le bellezze del Lago d'Iseo

Percorrendo i 67 chilometri del lungolago, scoprirete incantevoli borghi antichi e una natura incontaminata. Non perdete le Torbiere del Sebino, un paradiso palustre molto apprezzato dagli amanti del birdwatching, ed esplorate il paesino di Lovere, il cui centro storico è ricco di monumenti e chiese. Nel cuore del lago c'è Monte Isola, l'isola lacustre abitata più grande di tutta Europa.

Queste sono solo 100 idee che vi porteranno alla scoperta di alcuni dei monumenti più noti e dei tesori nascosti della nostra penisola, tra spiagge, montagne, città d'arte, deliziosi borghi, sagre e festival. Sulle pagine di Expedia vi attendono anche migliaia di attività per tutte le età: aprite il nostro motore di ricerca, scrivete il nome della località che desiderate visitare e lasciatevi ispirare dalle numerose proposte.

Photo Credit

Foto di copertina: Vista di Sorrento, di Kim Traynor - Opera propria (CC BY-SA 3.0, commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=20421907)