Tra Ionio e Adriatico, orme di civiltà antiche e ri-scoperta del folklore locale, ecco le perle del Tacco d'Italia: Gallipoli, Otranto e Porto Cesareo.

Circondata su tre lati dal mare, la Penisola Salentina racchiude un tesoro di paesaggi naturali incontaminati e un patrimonio culturale ricchissimo. Qualche consiglio per viverla al meglio.

Mare

Appena qualche km a sud di Gallipoli si trovano alcune delle spiagge più belle e rinomate del Salento: Baia Verde è una immacolata distesa sabbiosa, ben servita da numerose strutture ricettive; la Baia del Pizzo alterna litorali sabbiosi a scogliere di tufo e si trova all'interno del Parco Naturale Isola di Sant'Andrea - litorale di Punta Pizzo.

Credits: Alamy

La Baia dei Turchi, a nord di Otranto, è celebre per l'arenile immacolato e la natura incontaminata.

Anche l'area costiera attorno a Porto Cesareo è costellata di splendide spiagge, perlopiù comprese nella Riserva Naturale Palude del Conte e Duna Costiera: da Punta Prosciutto a Torre Squillace, il mare si insinua in piccole baie costellate di dune e cosparse di macchia mediterranea.


Attività

Cosa fare

Il Salento è ricco di storia e tradizioni, oltre che di meravigliosi paesaggi mediterranei. Concedetevi un tour enogastronomico alla scoperta dei prodotti tipici locali: i Frantoi Oleari Ipogei, in prossimità di Gallipoli o le numerose masserie sono degli autentici musei di storia rurale.

Per gli appassionati di trekking e birdwatching è consigliatissima un' escursione in una delle numerose riserve naturali alla scoperta di saline e paludi che punteggiano la costa.

Cosa vedere

Credits: Shutterstock

Una visita al centro storico di Gallipoli è assolutamente d'obbligo: circondato da antiche mura, è interamente costruito su una piccola penisola protesa verso il mare. Tra gli edifici di maggior interesse spiccano la Basilica Cattedrale di Sant'Agata e il Castello Aragonese.

Il centro storico di Otranto è un dedalo di strette viuzze ed edifici storici, straordinariamente ben conservati: irrinunciabile una visita al Castello Aragonese, al Duomo dell'Annunziata e alla bizantina Chiesa di S. Pietro.

Nel territorio di Porto Cesareo sono ancora intatte le 7 torri di avvistamento erette nel Cinquecento per proteggere il borgo dagli attacchi dei Saraceni: Torre Cesarea è l'unica a trovarsi nel centro abitato e merita di essere visitata.

LEGGI ANCHE: Le spiagge più belle del Salento!

Credits: Shutterstock

Sapori e vita notturna

Ristoranti

I vini tipici del Salento sono rossi e profumati, ottimi anche per l'aperitivo: provate un bicchiere di Negroamaro o un Primitivo di Manduria accompagnato da friselline e taralli croccanti. A Gallipoli, per una scorpacciata di pesce a prezzi contenuti, provate l'Osteria Briganti. Se, invece, decidete di trascorrere la serata ad Otranto, fermatevi a L'altro baffo: i paccheri all'aragosta e le orecchiette al pomodoro e cacioricotta vi conquisteranno! Ai Dolci Tramonti di Porto Cesareo potrete, infine, gustare i tipici pasticcioti leccesi alla crema, biscotti alle mandorle e ottimo gelato artigianale.

Locali e vita notturna

Le tiepidi notti salentine sono animate da numerosissime sagre e feste popolari, come la popolarissima Festa della Taranta, che si svolge ad Agosto nel paesino di Melpignano, a meno di mezzora di macchina da Otranto. Fuochi d'artificio, bancarelle, spettacoli di musica e danze popolari sono la nota caratteristica delle serate estive. Per chi al folklore preferisce la discoteca, non può sbagliare scegliendo la costiera di Gallipoli: le più famose e frequentate sono il Parco Gondaril, sul lungomare, e il Samsara Lounge Beach.