Nei mercatini delle pulci di Roma trovi di tutto. Dai vestiti anni '70 a lampadari Belle Epoque, dallo scrittoio prim '900 alla collezione di Topolino.

Andarsene per mercatini di Roma, tra oggetti usati, vintage, antiquariato e quell'atmosfera unica, calorosa e fragorosa che si respira nei riti popolari della capitale. Siete pronti? Ecco la top 5!

1. Le pulci di Porta Portese

"Vado avanti a gomitate tra la gente che si affolla, le patacche che ti ammolla. Quello là ci ha di tutto: pezzi d'auto, spade antiche, quadri falsi e la foto nuda di Brigitte Bardot". Così Claudio Baglioni raccontava - nella vecchia canzone del 1972 "Porta Portese" - il mercato delle pulci per eccellenza a Roma. Si tratta di uno storico mercato romano, nato nell'immediato dopoguerra a ridosso di una delle principali porte romane in un'area cittadina da sempre dedita al commercio.

Nei pressi del mercato sorgeva il porto fluviale di Ripa Grande, mentre la via Portuense collegava l'Urbe alla cittadina di Porto nei pressi della foce del Tevere. Ben presto i romani hanno iniziato a identificare questo mercato come il punto di riferimento per eccellenza dove poter acquistare qualsiasi cosa, o semplicemente fare due chiacchiere, tanto da divenire nel 1948 set del celebre film "Ladri di biciclette" diretto da Vittorio De Sica.

Ancora oggi il mercato, migliorato nel suo aspetto, ospita mercanti che espongono gomitoli di lana e cotone, orologi, scarpe, bigiotteria, giacche di pelle e valigie, perline e giocattoli usati. L'atmosfera è rimasta quella di un tempo: un luogo dove rivivere la romanità più verace. Il mercato è aperto la domenica mattina e si distende da Porta Portese lungo la via Portuense fino a viale Trastevere.

Uno degli stand del Mercato di Porta Portese - By Manuela (Flickr: Diabolik e Eva)  , via FlickrUno degli stand del Mercato di Porta Portese - By Manuela (Flickr: Diabolik e Eva) , via Flickr

2. Il mercato di via Sannio

Altro storico mercato delle pulci a Roma è quello di via Sannio. Qui, nel quartiere San Giovanni, lungo la strada che costeggia le Mura Aureliane, tutte le mattine dal lunedì al sabato, è possibile acquistare un po' di tutto. Immancabile il gioco delle tre carte, immancabili gli abili venditori che riescono a farti acquistare ciò che non ti serve. Ma il mercato, al di là degli aspetti folcloristici, ha perso un po' del suo vecchio fascino. Così, tra abusivi e mercanti stranieri che provano a imitare la cadenza romana, la tipicità del mercato si è sbiadita a causa di merce di bassa qualità e poco originale. Della via Sannio di una volta rimane l'ultimo tratto dove si trovano le bancarelle di vestiti usati. Qui si possono fare buoni affari.

l mercato di via Sannio - By LPLT (Own work)  , via Wikimedia Commonsl mercato di via Sannio - By LPLT (Own work) , via Wikimedia Commons

3. L'appuntamento domenicale al Borghetto Flaminio

Altro interessante mercato delle pulci a Roma è quello di Borghetto Flaminio. Non ha la storia né le dimensioni dei due precedenti, ma mantiene ancora un aspetto decisamente genuino.

Fondato nel 1994 dall'idea di Enrico Quinto e Paolo Tinarelli, due amici che hanno immaginato di importare a Roma il modello statunitense delle vendite da garage. Si tratta oggi del primo mercatino dell'usato e del piccolo antiquariato per espositori amatoriali. Non ci sono veri mercanti, ma signore della zona che decidono di vendere abiti e oggetti dopo un trasloco, nonne che danno via gli abitini delle nipoti messi un paio di volte, o giovani che vendono prodotti elettrici usati ma ancora funzionanti. Molto amato dai vip, il mercato si tiene in piazza della Marina 32 ed è aperto tutte le domeniche, ad eccezione del mese di agosto.

4. Vintage Market al Teatro Quirinetta

Altro mercato che sta diventando un punto di riferimento per i romani è il Vintage Market al Teatro Quirinetta (via Marco Minghetti 5). Nello storico teatro a pochi passi dalla Fontana di Trevi, due domeniche al mese si tiene il mercato di abiti vintage, ma anche di oggetti usati e di prodotti artigianali. Per l'esposizione viene utilizzata la platea che accoglie circa 40 espositori, mentre la musica (talvolta suonata dal vivo) fa da sottofondo allo shopping. L'ingresso è ad offerta libera.

5. Il MercatoMonti

Fondato nel 2009, il MercatoMonti è forse il più giovane dei mercati delle pulci della Capitale. Si tratta di un vero e proprio urban market, nel quale espongono giovani talenti selezionati dagli organizzatori ed è rivolto alla promozione di progetti creativi. Dietro gli stand ci sono artigiani, designer, stilisti, innovatori, inventori che esaltano il marchio Made in Italy. Qui si possono acquistare oggetti realizzati con materiali di scarto o destinati alla discarica, nel pieno rispetto dei principi del riuso, ma con un occhio attento al design.

Photo credit

Foto di copertina: Tra gli stand dei vari mercati si può trovare un po' di tutto, come scatole e bambole di una volta - C00 Public Domain by Pixabay