48 ore alla scoperta della strada del vino di Vernaccia San Gimignano, tra piaceri enogastronomici e le meraviglie della provincia senese.

La strada del vino di Vernaccia San Gimignano è sicuramente tra i più interessanti tragitti toscani dedicati al nettare degli dei. Il percorso, infatti, gravita attorno a un autentico gioiello medievale, San Gimignano, e nonostante la regione sia nota specialmente per i suoi celebri vini rossi, offre la degustazione di uno dei migliori bianchi "autoctoni", la Vernaccia.

Leggi anche: Di vigneti e di cantine: la Strada del Chianti Classico!

La strada del vino Vernaccia di San Gimignano


Dalla "Città delle torri", San Gimignano, principale meta turistica della zona, la Strada del vino Vernaccia di San Gimignano si estende a raggiera e tocca le frazioni di Castel San Gimignano, Pancole, Libbiano, Sant'Andrea e Bibbiano.

I prodotti locali

Protagonista della zona è la Vernaccia, un vino noto già nel Trecento, nominato persino da Dante nella Divina Commedia: di colore giallo paglierino, presenta uno spettro aromatico particolarmente ampio, che spazia dalla frutta gialla agli agrumi, dai fiori al miele. Oltre alle due versioni docg e doc della Vernaccia, questa terra propone altri vini particolarmente apprezzati, come il Chianti Colli Senesi DOCG, un rosso rubino e fruttato.

Ma non solo ai piaceri del dio Bacco è votata questa terra! Dal giallo della Vernaccia si passa, infatti, al giallo-arancio di sua maestà lo Zafferano, spezia ricca di proprietà, preziosa fin dall'antichità. Il repertorio dei prodotti locali, poi, include anche un'invitante varietà di salumi, dal prosciutto alla finocchiona, dalle salsicce di chinghiale al mortito (salame al mirto). Infine, da non perdere, l'Olio Extra Vergine di Oliva di San Gimignano, che accompagna ed esalta i sapori della tradizione.

Date le premesse, un tour enogastronomico a San Gimignano e dintorni è obbligatorio. Vi proponiamo un programma di 48 ore, ideale per una fuga nel weekend.

Una bottiglia di vino Vernaccia - By Pablo from Vigo, Espa�a - vernacciaUploaded by stegop, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9826650Una bottiglia di vino Vernaccia - By Pablo from Vigo, Espa�a - vernacciaUploaded by stegop, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=9826650

Il programma del weekend a San Gimignano e dintorni

Venerdì ore 18 - Degustazione e cena in fattoria!

Il modo giusto per cominciare il weekend a San Gimignano è una tappa degustativa in una delle numerose cantine della zona. L'indirizzo giusto può essere la Fattoria San Donato, piccolo borgo medievale in collina, a pochi km dalla cittadina. La cornice è davvero molto suggestiva e la produzione si avvantaggia del clima temperato, rinfrescato dalla brezza marina. La struttura, gestita dalla famiglia Fenzi dal 1932, propone diversi servizi, tra cui la degustazione, la vendita diretta e la cena. Si può, quindi, iniziare con una degustazione di vini toscani, a cominciare ovviamente dalla Vernaccia, e poi eventualmente passare alla cena rigorosamente preparata con ingredienti locali e servita in taverna o in giardino a seconda della stagione.

Sabato, ore 9 - Alla scoperta di San Gimignano

Dopo una sfiziosa colazione al Caffè Giardino, è tempo di partire alla scoperta di San Gimignano. Conviene subito dirigersi a Piazza della Cisterna, prima di trovarla sovraffollata dai turisti: la piazza è circondata da stupefacenti case e torri medievali. In seguito, è d'obbligo una visita alla vicinissima Piazza del Duomo, che ospita edifici di interesse storico come il Palazzo del Comune e il Palazzo del Podestà.

Non potete concludere la mattinata senza aver colto appieno il significato dei soprannomi della cittadina, tra cui figura anche "la Manhattan del Medioevo". Salite sulla Torre Grossa, alta 54 metri, un vero grattacielo di epoca medievale: dalla sua sommità è possibile godere di un panorama mozzafiato sui tetti delle case antiche e sulla campagna circostante. Pensate che nel Trecento, la cittadina era arrivata a contare addirittura una settantina di torri.

Piazza della Cisterna a San Gimignano - CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=194722Piazza della Cisterna a San Gimignano - CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=194722

Sabato, ore 13 - Pranzo in Enoteca

Per un pranzo veloce e tipicamente toscano l'Enoteca Gustavo, in via San Matteo, è ciò che fa al caso vostro. Panini e bruschette preparati con olio extravergine, i migliori affettati e formaggi locali, da assaporare insieme a un bicchiere di Vernaccia. Potrete anche acquistare delle bottiglie di eccellenti vini locali a prezzi abbastanza competitivi.

Sabato, ore 15 - Museo del Vino Vernaccia di San Gimignano

In un weekend enogastronomico sulla strada della Vernaccia, non può mancare una visita al museo dedicato. Ospitato dall'anica Villa della Rocca di Montestaffoli, sulla sommità di San Gimignano, il Museo del Vino Vernaccia raccoglie oggetti e documentazioni che conducono il visitatore in un appassionante viaggio nel mondo del vino.

Alla fine del percorso, si accede alla sala degustazioni, dove, circondati da oltre 500 bottiglie, si assaggia il vino locale. Per chi volesse, sono possibili anche degustazioni guidate per singoli o gruppi.

Sabato, ore 17:30 - Degustazione dai Fratelli Vagnoni

Se il Museo del Vino Vernaccia vi ha lasciato una certa acquolina in bocca, potete far visita a un'altra delle più note aziende vinicole della zona, I Fratelli Vagnoni, in località Pancole. L'azienda, che fa anche da agriturismo, regala una bella vista panoramica e, previa prenotazione (0577/955077), organizza degustazioni dei propri prodotti: oltre a ben 10 vini diversi, anche un ottimo olio extra vergine d'oliva.

L.jpg) L'azienda I Fratelli Vagnoni vista dall'alto - Courtesy of I Fratelli Vagnoni

Sabato, ore 20 - Aperitivo

Sabato sera, ora dell'aperitivo: tornati a San Gimignano, se cercate un posto romantico e con un bel panorama, resterete piacevolmente sorpresi dall'Enoteca Divinorum, in via degli Innocenti 21. I vini top della regione serviti con taglieri di salumi, tra eleganza e raffinatezza. Potete anche decidere di fermarvi a cena.

Sabato, ore 21 - A cena da..

Un'altra opzione, per la cena, è Chiribiri. Prenotate in tempo, il locale è molto piccolo ma è un vero scrigno capace di accostare tradizione toscana, atmosfera cordiale, piatti e vini eccellenti.

Sabato, ore 23 - Passeggiata digestiva!

Non cercate locali o club esclusivi. La cosa più emozionante che potrete fare sarà passeggiare per il centro storico di notte, assaporarne la magia ed eventualmente visitare le botteghe artigiane (in estate, sono aperte anche dopo cena).

Domenica, ore 10 - Colazione da campioni al Podere La Marronaia

Per una volta, in materia di alimentazione, ascoltiamo gli inglesi e concediamoci un brunch domenicale. Come destinazione, potete puntare sull'Azienda Agricola Podere La Marronaia, dal cui suggestivo casolare si gode di un'incantevole vista su San Gimignano. Anche qui, sempre previa prenotazione, è possibile cimentarsi in una degustazione di prodotti locali. Tra le diverse opzioni, anche le degustazioni di zafferano e di tartufo.

San Gimignano vista dal Podere la Marronaia "Sosta Alle Colonne" - Courtesy of Podere la Marronaia "Sosta Alle Colonne"San Gimignano vista dal Podere la Marronaia "Sosta Alle Colonne" - Courtesy of Podere la Marronaia "Sosta Alle Colonne"

Domenica, ore 15 - Due passi nel verde della Riserva Naturale

Per smaltire gli eccessi di una due giorni intesi, prima di tornare a casa, non resta che fare due passi nella verde Riserva Naturale Castelvecchio, situata una manciata di km a ovest da San Gimignano. L'area alterna tratti boschivi, di faggi e tassi, a fasce di macchia mediterranea. Raggiungete le rovine di Castelvecchio per ammirare un panorama mozzafiato.

Leggi anche: Strada del Barolo: weekend nelle Langhe tra vino ed Einaudi!

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalva