Spiagge paradisiache, foreste subtropicali, catene montuose e vette che superano i tremila metri, zone vulcaniche, città millenarie e un'infinità di tradizioni da scoprire. No, non stiamo parlando di destinazioni lontane: potete trovare tutto questo e molto altro ancora senza uscire dall'Europa. La Spagna è un paese affascinante e ve lo dimostreremo proponendovi un itinerario di viaggio ricco di curiosità, angoli tutti da scoprire e mille idee per attività per tutti i gusti. City break, turismo attivo, natura... nella nostra lista delle 100 cose da vedere o da fare in Spagna c'è proprio di tutto. E non potete immaginare quanto sia stato difficile sceglierne solo 100!

LEGGI ANCHE: 100 cose da vedere in Francia!

ANDALUSIA

1. Fare il bagno nelle spiagge paradisiache di Cabo de Gata

L'attività vulcanica nella zona di Cabo de Gata ci ha lasciato un'eredità strepitosa, fatta di spiagge da sogno e scogliere mozzafiato. Volete rilassarvi sulla sabbia, andare in kayak o osservare il fondale marino? Qui c'è solo l'imbarazzo della scelta! Per aggiungere un tocco culturale alla gita, visitate il Cortijo del Fraile, un edificio abbandonato cui Lorca si è ispirato nella scrittura della sua celebre opera Nozze di sangue.Cabo_de_Gata.jpg?1561065542

2. Ascoltare un concerto nel castello di Sancti Petri

Di fronte alle coste di Chiclana de la Frontera e San Fernando si trova il castello di Sancti Petri, una fortezza difensiva situata su un isolotto. Oltre ad ammirare un edificio dall'incalcolabile valore storico, qui potrete svolgere moltissime attività, come lezioni di yoga o zumba, oppure visitare a mostre e ascoltare concerti, specialmente in estate, quando il cartellone è particolarmente ricco di spettacoli interessanti... e non perdetevi l'esplosione di colori che la natura regala ogni giorno al tramonto.

3. Windsurf e kitesurf a Tarifa

Situata in prossimità dello Stretto di Gibilterra, Tarifa si è meritata il titolo di "capitale europea del vento", una qualità che attrae moltissimi amanti degli sport acquatici. In questa località sulla costa di Cadice si danno appuntamento molti surfisti, ma gli esperti assicurano che Tarifa è anche il luogo ideale per praticare sport a vela. Qualunque sia il vostro sport, queste spiagge vi conquisteranno con le loro temperature gradevoli.

4. Rievocare i tempi di al-Andalus a Cordova

Cordova non ha bisogno di presentazioni, ma neanche il viaggiatore più alternativo può evitare di fare una tappa in quella che un tempo era la capitale di al-Andalus. Per andare alla scoperta del passato arabo della città, il punto di partenza ideale è l'imponente colonnato della Moschea, per poi proseguire con i bagni arabi e concludere, ciliegina sulla torta, con la Medina Azahara, una gigantesca città che mostra tutto lo splendore del califfato di Cordova.

5. Lasciarsi sedurre dalla deliziosa atmosfera dei cortili di Cordova

Maggio è il mese perfetto per cogliere l'essenza della Cordova più autentica. È il periodo in cui i cortili ("patio") di Cordova vengono aperti al pubblico e le strade vengono invase dal profumo di garofani, gerani e gerani edera. Questa festa risale agli inizi del Novecento, ma forse non tutti sanno qual è la vera origine dei cortili: romani e musulmani, spinti dalla necessità di alleviare gli effetti del caldo, costruirono prima i pozzi e, più avanti, aggiunsero le decorazioni floreali.Patio_de_Cordoba.jpg?1561065577

6. Fare un viaggio nella Granada di Lorca

Riscoprite Granada dal punto di vista di Federico García Lorca, seguendo un itinerario dedicato al poeta, per conto vostro o partecipando a una visita guidata da un attore in costume. Lorca è riuscito a descrivere l'essenza della città come nessun altro e ora tocca a voi scoprirla al ritmo dei suoi versi più celebri. Non sapete da dove iniziare? Il Centro Federico García Lorca è un ottimo punto di partenza.

7. Entrare nel paradiso bianco della Alpujarra

A cavallo tra Granada e Almeria si trova la regione storica della Alpujarra. I suoi caratteristici paesini adornano di bianco le pendici della Sierra Nevada e seguono un tracciato ereditato dai mori che vi abitavano nel XVI secolo. Non perdetevi località come Capileira, Órgiva, Lanjarón o Trevélez: dalla loro posizione privilegiata su alcune delle cime più alte della Penisola Iberica si possono ammirare panorami di eccezionale bellezza.

8. Scoprire Doñana, il paradiso naturale di Huelva

Huelva ha il privilegio di ospitare la più importante e vasta area paludosa della Penisola Iberica, un mosaico di ecosistemi che propone diversi percorsi attraverso pinete, dune e paludi. Rimarrete incantati dalla grande biodiversità di questo luogo, che include anche specie a rischio di estinzione. Tra le tante attività disponibili spiccano sentieri escursionistici come quello che porta alle falesie dell'Asperillo o piacevoli gite in barca per ammirare comodamente la fauna.

9. Dedicarsi all'oleoturismo a Jaén

Jaén e l'olio d'oliva formano un binomio inscindibile. Basta mettere piede su queste terre per rendersi immediatamente conto di quanto sia importante l'"oro liquido" per Jaén: vi troverete infatti in un'immensa distesa di ulivi a perdita d'occhio. Con una visita a un frantoio potrete scoprire tutti i segreti della produzione dell'olio e tutte le sfumature del protagonista principale della dieta mediterranea.Mar_de_olivos_Jaen.jpg?1561065641

10. Ordinare un piatto di pescaíto fritto a Malaga

Gli abitanti di Malaga sono chiamati boquerones (acciughe in spagnolo), ma forse non tutti sanno che questo soprannome deriva dal fatto che questo delizioso pesce è tipico della Costa del Sol. Non si può ripartire da qui senza assaggiare questa specialità locale, magari nel quartiere di El Palo o nei bar sulla spiaggia di Malagueta. La brezza marina e il garrito dei gabbiani saranno l'accompagnamento perfetto.

11. Sedersi su una delle panchine di Plaza de España a Siviglia

Plaza de España a Siviglia è un imponente complesso monumentale. Lasciatevi incantare da questo scenario e fate una gita in barca lungo il canale che ne costeggia il perimetro oppure sedetevi su una delle 48 panchine dedicate alle province spagnole. Sapevate che ne mancano due? Una è per le Canarie, perché questa piazza è stata costruita prima che l'arcipelago fosse diviso in due province, e l'altra è Siviglia, che appare già in altri murales.plaza_espan%CC%83a_sevilla.jpg?1561065657

12. La Madrugá: la notte più lunga della Settimana Santa

La Settimana Santa di Siviglia è un evento toccante come pochi altri. Tutta la città si trasforma per festeggiarla con totale devozione: le strade profumano della cera delle candele, i rulli di tamburo annunciano il passaggio delle confraternite e il canto struggente delle saetas fa vibrare l'anima. Il momento clou della celebrazione è la Madrugá, quindi unitevi alla folla per immergervi nella notte più intensa della Settimana Santa a Siviglia.

ARAGONA

13. Scoprire Torla-Ordesa: la porta d'ingresso al parco nazionale di Ordesa e Monte Perdido

Molti viaggiatori arrivano a Torla-Ordesa con l'idea di conoscere le valli di Ordesa e Monte Perdido, ma questo borgo medievale di case in pietra e tetti in ardesia riesce sempre a risplendere di luce propria. Prima di ammirare le pareti del massiccio di Mondarruego tingersi di rosso al tramonto, guardate i curiosi comignoli espantabrujas (letteralmente, spaventa streghe) che sono un segno caratteristico dei Pirenei di Huesca.Ordesa.jpg?1561065679

14. Trascorrere una notte ad Albarracín, il cuore di Teruel

Albarracín ha uno spettacolare centro storico che tinge di aranciato e rossiccio la Sierra omonima. Vi invitiamo a trascorrere almeno una notte in questo luogo idilliaco: al tramonto, quando le finestre delle case si illuminano, l'atmosfera si fa quasi celestiale. In quel momento particolare della giornata, la quiete avvolge le strade e il rintocco delle campane e il rumore del fiume Guadalaviar accompagnano l'eco dei vostri passi. Suggestivo, no?Albarracin_Teruel.jpg?1561065713

15. Scattare qualche foto spettacolare nel Monastero de Piedra

Pubblicate sulle reti social le foto più spettacolari della vostra visita al Monasterio de Piedra. Anche se questo parco è stato creato dalla mano dell'uomo, non per questo è meno affascinante. La cascata di Cola de Caballo è la protagonista assoluta e vista dall'alto è uno spettacolo indimenticabile. Dopo aver visitato il parco, capirete perché è uno dei principali punti di interesse della provincia.

16. Ascoltare racconti di guerra e di fantasmi a Belchite

Ad appena 40 chilometri da Saragozza si trovano le rovine dell'antica cittadina di Belchite. Camminare per le sue strade può essere un'esperienza travolgente, che vi farà comprendere gli effetti della Guerra civile. E se vi piacciono le storie di fantasmi, siete fortunati: attorno ai suoi muri di pietra semidistrutti ruotano numerose leggende e potrete ascoltarle tutte in una visita notturna... da far accapponare la pelle.

ASTURIE

17. Partecipare alla discesa del Sella

Se vi piacciono le emozioni forti, mettete alla prova le vostre abilità partecipando alla Discesa Internazionale del Fiume Sella, una gara di canoa che si tiene dal 1930. Ogni anno, nel mese di agosto, migliaia di atleti affrontano coraggiosamente i 15 chilometri che separano Arriondas e Ribadesella. Se non siete particolarmente competitivi, comunque, ci sono molte aziende di turismo attivo che propongono anche passeggiate lungo il fiume per godersi il Sella con più calma.

18. Aprire i polmoni ai laghi di Covadonga

Sapevate che i laghi di Covadonga sono di origine glaciale? L'Enol e l'Ercina, i più noti, si trovano a più di mille metri di altitudine e riflettono il paesaggio agreste circostante. Approfittate del vostro soggiorno qui per respirare l'aria purissima dei Picos de Europa e, se visitate la zona in autunno, seguite la strada che conduce alla faggeta di Palomberu: i suoi toni ocra e arancio vi conquisteranno.

Covadonga.jpg?1561065727

BALEARI

19. Trascorrere una giornata sulla paradisiaca spiaggia SesnIlletes

Il paradiso è più vicino di quanto si possa pensare, comendimostra benissimo la spiaggia di Ses Illetes, a Formentera. Facendo un tuffonin queste acque cristalline si incontra uno degli ecosistemi più importanti delnMediterraneo, la prateria marina di Posidonia. Questa spiaggia meritansicuramente più di qualche ora. Rilassatevi su questa lingua di sabbia inncompagnia di un buon libro e godetevi il silenzio che solo le onde del marenosano infrangere.

20. Fare un bagno di fango a Ibiza

Anno dopo anno le spiagge di Ibiza seducono una miriade dinviaggiatori per la loro bellezza naturale e la vivace vita notturna dell'isola.nNoi vi proponiamo un'attività alternativa in linea con lo spirito hippy dinIbiza: un bagno di fango naturale in uno degli arenili che lo consentono. Alnfango delle Pitiusas vengono attribuite molte proprietà e questa è la vostranoccasione per scoprire se è vero. Dove? Ad Aigües Blanques, cala Xarraca o SanCaleta.

21. Andare a Sóller in treno

Chi ha detto che usare i trasporti pubblici è noioso? Senandate a Maiorca, qualcosa di tanto comune può diventare un'esperienzanstraordinaria. Palma e Sóller sono infatti collegate da una linea ferroviarianche attraversa la Serra de Tramuntana e che vi regalerà panorami mozzafiato,ncon il Mediterraneo sullo sfondo. Una curiosità: questo servizio, in cui ilntempo sembra essersi fermato, è stato inaugurato lo stesso giornondell'affondamento del Titanic.

Soller.jpg?1561065747

22. Immergersi nell'incanto naturale di Valldemossa

Venite a a scoprire il fascino autentico della campagna in questo piccolo borgo arroccato sulla Serra de Tramuntana, che spicca con le sue tonalità di arancione e marrone sulle verdi montagne di macchia mediterranea. Poco distante da lì troverete il mare, con calette di acque cristalline e un porticciolo che ha saputo conservare la sua anima marinara. Non ci sono dubbi: se siete in cerca di tranquillità, Valldemossa è il luogo perfetto.

23. Visitare Minorca a cavallo

Sapevate che esiste una razza di cavalli autoctona minorchina? E che esiste un sentiero che percorre tutto il litorale dell'isola? Forse di quest'ultimo avete già sentito parlare. Potreste anche andare alla scoperta dell'isola in un modo diverso dal solito: sul Camí de Cavalls in sella a un cavallo di razza minorchina. Vi vedete già al tramonto in groppa a uno di questi eleganti animali? Non vi resta che prenotare un pacchetto volo+hotel e prepararvi a godervi l'isola in modo alternativo.

24. Trascorrere una giornata al mare come un vero minorchino

Minorca attrae moltissimi turisti desiderosi di conoscere le sue spiagge paradisiache. Ma con 216 chilometri di costa, da dove cominciare? Le scelte sono davvero tante, dal paesaggio meridionale con sabbia bianca e acque turchesi, come Macarella o cala di Turqueta, fino allo scenario un po' più selvaggio di Cala Pregonda, con le sue acque limpidissime. Un piccolo consiglio: se il vento soffia da nord, è meglio andare a sud. E se soffia da sud? Beh, ovviamente al nord!

Macarella.jpg?1561065771

CANARIE

25. Immergersi nelle acque di Charco Azul sull'isola di ElnHierro

Data la loro particolare orografia, le Isole Canarie offrononmeravigliose piscine naturali sparse in tutto l'arcipelago. Sull'isola di ElnHierro si trova una delle più affascinanti: il Charco Azul. La lava vulcanica enl'erosione del mare hanno scolpito pietra su pietra questo paesaggio da favola.nQui potrete immergervi nelle sue acque azzurre protetti all'interno di unangrotta.

26. Connettersi con il grande passato della montagna sacrandi Tindaya

C'è qualcosa di mistico che circonda la piramide quasinperfetta della montagna sacra di Tindaya, che si erge solitaria in mezzo a unangrande pianura. Gli aborigeni delle Canarie la consideravano un luogo sacro enancora oggi sono visibili molte incisioni rupestri podomorfe che sononsopravvissute fino ai giorni nostri. Si può raggiungere la sommità percorrendonun sentiero escursionistico, ma può anche essere piacevole trovare un angolinontranquillo in cui immergersi nella pace di questo luogo in compagnia di un buonnlibro.

27. Scoprire il lato più selvaggio di Fuerteventura: lanspiaggia di Cofete

Il parco naturale di Jandía custodisce quella che è forse lanspiaggia più isolata di Fuerteventura. Stiamo parlando di Cofete, un gioiellonmagnifico che si apre alla vista dei più temerari che si avventurano finonall'estremità più a sud dell'isola. L'aggettivo "vergine" non ènsufficiente quando si parla di Cofete: dodici chilometri di spiaggia larga enacque cristalline con il massiccio montuoso di Jandía alle spalle lenconferiscono una personalità straordinaria. È Natura allo stato puro.

28. Fare una passeggiata al tramonto tra le Dune dinMaspalomas

Che le Dune di Maspalomas siano un'area naturale unica nelnsuo genere non è una novità e la combinazione tra deserto e oasi, sotto formandi laguna salata, fa di questa zona una vera e propria calamita per i turisti.nMa se non volete farvi travolgere dal caos di turisti, sappiate che la riservannaturale si estende per più di 400 ettari. Un consiglio: godetevi il paesaggional tramonto, quando la sabbia cambia tonalità man mano che il sole scomparenall'orizzonte.

Maspalomas.jpg?1561065793

29. Scoprire il lato più vivace del quartiere di Vegueta

È impensabile fare un viaggio a Las Palmas de Gran Canaria senza visitare il quartiere di Vegueta. Qui si trovano tutti gli edifici storici e i musei più importanti della capitale delle Canarie. Al calar del sole, il centro storico cambia volto e mette in mostra il suo lato più chiassoso, con un'offerta gastronomica e per il tempo libero tutta da gustare. Osterie, trattorie, ristoranti e terrazze vi invitano a fare una sosta rigenerante.

30. Garajonay, un paesaggio incantevole

Milioni di anni fa, il sud Europa era ricoperto in buona parte da foreste di da laurisilva, una foresta sempreverde. Oggi non restano molti esempi di questo particolare tipo di vegetazione, ma La Gomera è uno di pochi luoghi privilegiati in cui è ancora presente. Camminando nella giungla primordiale di Garajonay si ha come l'impressione di entrare in una foresta incantata, con alberi ricoperti di muschi e licheni e rampicanti che tingono di verde intenso questo bosco magico. Perdersi tra i suoi sentieri è un'esperienza davvero irrinunciabile!

31. Preparare una serata romantica sotto le stelle a La Palma

Quando cala la notte su La Palma, non si può fare a meno di alzare lo sguardo verso il cielo. Si dice infatti che qui ci siano le condizioni ideali per apprezzare il firmamento. Il punto perfetto è l'Osservatorio del Roque de los Muchachos, situato a più di duemila metri di altitudine. Copritevi bene, preparate un picnic e trascorrete una serata romantica alla luce delle stelle. Sarà un momento indimenticabile.

32. Papagayo: la spiaggia migliore di Lanzarote

Sinceramente: cosa vi piacerebbe fare a Lanzarote? Probabilmente la risposta sarà "andare in spiaggia", e non avete tutti i torti, perché l'isola offre alcune spiagge fantastiche. Vi interesserà anche sapere che la spiaggia di Papagayo, con la sua sabbia bianca e le sue acque turchesi, è considerata il gioiello della corona e si trova nella parte meridionale di Lanzarote. Altro punto a suo favore è che fa parte del parco naturale di Los Ajaches: natura incontaminata, a portata di mano!

Lanzarote.jpg?1561065814

33. Partecipare a un'uscita di avvistamento delfini a Lanzarote

Sempre più turisti preferiscono osservare gli animali nel loro habitat naturale. Se è così anche per voi e la meta del vostro viaggio è Lanzarote, un'escursione alla ricerca dei delfini può fare al caso vostro. Salpando da Da Puerto del Carmen, a bordo di un'imbarcazione raggiungerete la zone in cui solitamente vengono avvistati, ma anche se la ricerca non dà buoni frutti potrete sempre fare un tuffo nelle acque dell'Atlantico e fare snorkeling per osservare i fondali marini.

34. Conquistare la vetta del Teide

Molti turisti arrivano a Tenerife con un'idea ben precisa: salire sul Teide. E hanno ragione, perché la cima più alta della Spagna è di per sé un monumento geologico. Salire in cima è tutt'altro che facile, quindi se non siete in perfetta forma, potete utilizzare la funivia. Comunque decidiate di salire, i sentieri e i punti panoramici sono straordinari. Ricordiamoci sempre che ciò che conta non è arrivare a destinazione, ma il viaggio che si fa per arrivarci.

35. Esplorare Icod de los Vinos, una delle cittadine più incantevoli di Tenerife

Tra le tante attrazioni di Tenerife, c'è un luogo che merita sicuramente un posticino nel vostro cuore: Icod de los Vinos. Non solo è la casa del Drago Millenario, albero imponente a cui è dedicato un parco omonimo, ma ospita anche la Cueva del Viento, un enorme tubo vulcanico che vi condurrà nelle viscere dell'isola. Se viaggiate con bambini, portateli al giardino delle farfalle: rimarranno ipnotizzati dalla magia multicolore delle loro ali!

CANTABRIA

36. Andare a Santillana del Mar, forse il più grande tesoro cantabrico

Santillana del Mar è uno dei gioielli della Cantabria. La "città delle tre bugie" non deve la sua fama solo alle grotte di Altamira, considerate la Cappella Sistina dell'arte rupestre; nel centro storico, con le sue strade lastricate, gli edifici storici e i balconi fioriti, farete un viaggio a ritroso nel tempo. Solo un piccolo suggerimento: entrate in uno dei negozietti locali e addolcitevi la giornata con un prelibato sobao.

Santillana_del_mar.jpg?1561065834

37. Comillas: l'eredità di Gaudí fuori dalla Catalogna

Non è necessario andare a Barcelona per ammirare il talento di Gaudí. Nella località cantabrica di Comillas troverete l'edificio di Villa Quijano, meglio noto come el Capricho, e vi verrà voglia di conoscere meglio questa città con i suoi numerosi tesori modernisti. Alzate lo sguardo verso la torre del minareto e lasciatevi conquistare dalle ceramiche vetrificate che la decorano. Se siete fortunati ed è una giornata di sole, i bagliori di luce faranno risplendere le decorazioni.

CASTIGLIA-LA MANCIA

38. Visitare la sorgente del fiume Mundo

La provincia di Albacete nasconde uno dei fenomeni naturali più suggestivi di tutta la Spagna: nel cuore della Sierra del Segura nasce il fiume Mundo, tra cascate spettacolari e boschi di noccioli, querce e pini. Per ammirare la cascata nel suo massimo splendore, fate coincidere la vostra visita con il cosiddetto reventón, un curioso fenomeno che causa un'improvvisa "esplosione" nelle sue acque. Ma non dimenticare l'impermeabile, perché la doccia è assicurata.

39. Assistere a uno spettacolo teatrale nel Corral de comedias di Almagro

Almagro è una delle destinazioni più apprezzate di Ciudad Real. Il suo passato è strettamente legato alla storia del teatro spagnolo, quindi assistere a uno spettacolo teatrale nel suo Corral de comedias è senz'altro il modo migliore per godersi il soggiorno in questa città. Si tratta dell'unico teatro di questo genere che conserva ancora la sua struttura originaria del XVII secolo Una volta seduti, vi sentirete come nel Secolo d'Oro.

40. Lasciare volare l'immaginazione nella Città incantata

La Città Incantata, in provincia di Cuenca, risale a migliaia di anni fa e ci regala uno straordinario paesaggio naturale in cui si ergono enormi blocchi di pietra calcarea dalle forme più bizzarre. Queste formazioni millenarie sono il frutto dell'erosione del vento e dell'acqua che nel periodo Cretaceo scorreva in questi luoghi. Usa l'immaginazione per associare le conformazioni rocciose alle forme più disparate: per i bambini è un vero spasso!

41. Zaorejas: la zona balneare migliore di Guadalajara

Quando il caldo si fa sentire, bisogna trovare una soluzione... quale modo migliore di un bagno rinfrescante? Anche se Guadalajara non è sul mare, le anse del fiume Tago che attraversa Zaorejas offrono dei punti incantevoli in cui fare il bagno. Oggi questi luoghi sono tranquillissimi, ma in passato facevano parte del percorso dei gancheros, che si occupavano di trasportare a valle i tronchi destinati alle segherie.

42. Ammirare Toledo dal belvedere della Ronda del Valle

Il belvedere della Ronda del Valle offre una vista impareggiabile su Toledo. Da qui potrete ammirare la città in tutta la sua grandezza, frutto di secoli di sapiente lavoro dei celtiberi, romani, visigoti, musulmani e cristiani. Toledo, la città delle tre culture, si erge imponente all'abbraccio del fiume Tago e, in alto, risplende orgoglioso l'Alcázar, testimone di un passato tumultuoso.

Toledo.jpg?1561065853

43. Seguire le orme di Don Chisciotte a Consuegra

Cervantes è senz'altro il più celebre autore spagnolo, che ha conquistato una fama universale con il suo Don Chisciotte. Molti turisti visitano le terre della Mancia per sentirsi come potenti hidalgo che combattono contro i mulini a vento in groppa a Ronzinante. Se non sapete qual è il luogo ideale da cui iniziare, ecco un piccolo consiglio: Consuegra. Questa località della provincia di Toledo ospita un complesso di 12 mulini a vento sul colle Calderico: una foto scattata qui farà rodere di invidia tutti i vostri amici sui social.

CASTIGLIA E LEON

44. Visitare la mura di Avila con i bambini

Le visite culturali con i bambini possono essere una missione impossibile, ma ad Avila non si corre questo rischio. Le sue mura sono tesoro romanico dove i più piccoli potranno trasformarsi in eroi medievali. Forse avranno bisogno di un po' di aiuto per arrivare fino al cammino di ronda, ma vi garantiamo che il panorama mozzafiato li lascerà a bocca aperta. Altro spunto interessante: all'ingresso c'è una guida creata appositamente per loro.

45. Scoprire le leggende di Avila

Ogni edificio di Avila narra una storia e il fascino di questi luoghi è dovuto in parte alle tantissime leggende che ruotano attorno alla città e alla sua provincia. Perché non cogliere l'occasione per conoscere il carattere autentico di queste zone con un itinerario dedicato ai miti locali? Ce ne sono tantissimi per conoscere Avila in tutte le sue sfaccettature e per i più coraggiosi c'è anche un percorso notturno: da pelle d'oca!

46. Cojonudos o cojonudas: quale preferite?

Se siete a Burgos, avrete sicuramente visitato l'imponente cattedrale e sarete pronti per una pausa rigenerante nel centro storico. In Calle de San Lorenzo si possono gustare due delle tapas più iconiche di Burgos: il cojonudo, fatto con pane, uova di quaglia, pepe e chorizo, e la cojonuda, che al posto del chorizo include la morcilla, la versione spagnola del sanguinaccio. Non siete curiosi di sapere qual è l'origine delle tapas e cosa significa questo nome curioso?

47. Svelare gli enigmi della cattedrale di León

Fate una sosta lungo il Cammino e fermatevi a visitare la cattedrale di León. Questo capolavoro gotico vi sorprenderà, soprattutto per le sue maestose vetrate medievali che filtrano la luce all'interno, conferendo un'aura mistica, quasi divina, a questo luogo. Questa chiesa, però, non è solo una meraviglia architettonica, ma nasconde anche segreti che hanno a che vedere con l'alchimia e le scienze occulte. Volete scoprirli?

48. Visitare la riserva del bisonte europeo a San Cebrián de Mudá

Quando si parla di Castiglia e León, vengono subito alla mente immagini di città centenarie con un'infinità di leggende. A San Cebrián de Mudá, invece, potrete ampliare i vostri orizzonti facendo un'escursione a piedi, in bicicletta, a cavallo o in fuoristrada sulla Montaña Palentina. Presso il Centro de Interpretación del Bisonte Europeo potrete scoprire tutti i dettagli del progetto di questa riserva. Una curiosità: dal 1927 non esistono più esemplari di questo animale liberi in natura.

49. Ammirare tutti i dettagli della Cattedrale Nuova di Salamanca

La Catedral Nueva (Cattedrale Nuova) di Salamanca è uno degli ultimi esempi di gotico spagnolo. Osservandola dall'esterno, ciò che salta subito agli occhi è sicuramente il suo imponente campanile, ma avvicinandosi si possono cogliere altri dettagli più curiosi. Alla Puerta de Ramos si possono scorgere due figure estremamente suggestive: la più famosa è quella dell'astronauta, ma c'è anche un drago che mangia un gelato. Ma come è possibile?

Salamanca.jpg?1561065878

50. Fare una foto con il diavolo vicino all'acquedotto di Segovia

La leggenda narra che una giovane donna, stanca di andare a prendere l'acqua, abbia chiesto al diavolo di costruire l'acquedotto, promettendogli in cambio la propria anima se fosse riuscito a terminarlo prima dell'alba. Fortunatamente il primo raggio di sole illuminò il suo volto un attimo prima che il demonio posasse l'ultima pietra: in questo spazio è stata incastonata una statua della Vergine e, accanto all'acquedotto, è stata collocata una statua di un diavolo, proprio in onore di questa leggenda. E voi, che patto fareste con il diavolo?

51. Entrare in una trattoria di Segovia e ordinare un piatto di cochinillo

Per conoscere bene una città, è indispensabile conoscere le sue specialità gastronomiche e a Segovia non si può non assaggiare il maialino arrosto, il cochinillo. La ricetta è sorprendentemente semplice, ma il risultato è semplicemente delizioso. La cosa forse più curiosa è l'abitudine di tagliare il maialino arrosto usando un piatto, una tradizione che oggi serve a capire se la carne è tenera e cotta a puntino.

52. Visitare il chiostro romanico di San Juan de Duero

Visitando Soria, sulla sponda opposta del fiume troverete il monastero di San Juan de Duero, con il suo sorprendente chiostro romanico, un gioiello medievale senza tetto che si può visitare sotto i raggi del sole, con il Monte de las Ánimas sullo sfondo. Questo è proprio il luogo a cui si è ispirato Gustavo Adolfo Bécquer nella composizione della leggenda dedicata a questa montagna.

53. Assistere alle sfilate del mercato medievale di Peñafiel

Vi piacciono i mercati medievali? Allora non potete perdervi quello di Peñafiel, in provincia di Valladolid perché gli abitanti del paese lo trasformano in un villaggio medievale, con sfilate, giochi, laboratori artigianali e, naturalmente, rievocazioni storiche. Questa fiera vi farà fare tuffo nella Valladolid di una volta, mentre i più piccoli potranno divertirsi con il tiro con l'arco o l'esibizione di falconeria.

54. Scoprire la città romantica di Zamora

Tutta la provincia di Zamora è costellata di angoli meravigliosi, ma nel suo capoluogo si concentra la più grande collezione di edifici e monumenti di arte romanica della Penisola Iberica. Visitare questa città è come fare un salto nel Medioevo, soprattutto quando ci si trova davanti alla cattedrale. Nel XI secolo la città subì un assedio di sette mesi da cui si difese in modo eroico; da questo avvenimento deriva un detto popolare: "Zamora non si conquista in un'ora".zamora.jpg?1561065897

CATALOGNA

55. Passare una giornata divertente al Tibidabo, il parco più antico della Spagna

Il monte Tibidabo taglia il profilo di Barcellona, con il tempio del Sagrado Corazón in cima. Lì accanto si trova il più antico parco divertimenti della Spagna, fondato nel 1901. Salire sulle montagne russe e godere dei panorami più spettacolari di Barcellona è un buon incentivo, ma non è niente in confronto alle attrazioni più emblematiche come l'Aereo, che dal 1930 colora il cielo di Barcellona, o il Museo de Autómatas, con le sue curiose sculture meccaniche.Tibidabo_Barcelona.jpg?1561065915

56. Dedica una domenica al vermut a Barcelona

Il vermut è una vera e propria istituzione per i catalani "doc". In quale momento della giornata si beve? Qui la tradizione vuole che si prenda soprattutto la domenica mattina. Uscite, andate a cercare un'osteria tipica e ordinate un vermut con selz, magari accompagnato da uno spuntino a base di olive, vongole, patate o alici marinate come aperitivo prima del pasto domenicale.

57. Regalare una rosa o un libro per Sant Jordi

Il 23 aprile tutta la Catalogna festeggia il giorno di Sant Jordi (San Giorgio), ma è a Barcellona che questa festa assume un colore tutto speciale: le strade vengono invase da rose e libri e si formano code chilometriche davanti alle bancarelle delle librerie cittadine, tutte con un tema dominante, ossia la leggenda di San Giorgio e il drago. I barcellonesi lo considerano il giorno più bello dell'anno. Da non perdere assolutamente.

58. Ordinare una tapa bombas alla Barceloneta

Questa deliziosa tapa, una crocchetta di patata ripiena di carne e ricoperta con una salsa agro-piccante, è nata alla Barceloneta ed è la più apprezzata dell'intera città. Questo quartiere marinaro, naturalmente, è il posto giusto per provarle. Cercate uno dei locali a conduzione familiare dove c'è così tanta confusione da non riuscire a chiacchierare e l'entusiasmo dei baristi contagia tutti: è questa la vera anima di Barceloneta!

59. Salire sul treno a cremagliera di Montserrat, il più antico della Spagna

Se avete deciso di passare le vacanze a Barcellona e avete abbastanza tempo per un'escursione fuori città, non perdetevi una visita a Montserrat. Per raggiungere questo curioso massiccio roccioso dalle forme stravaganti si può salire su un affascinante treno a cremagliera, il più antico della Spagna! A bordo di questo treno si possono ammirare panorami privilegiati e si può giungere fino alla Moreneta, il soprannome con cui è affettuosamente conosciuta la Vergine di Montserrat.

Montserrat.jpg?1561065942

60. Scoprire Girona sotto un manto di fiori

Con l'arrivo della primavera, Girona si adorna per festeggiare il Temps de Flors, la mostra nata come concorso di bouquet che, per nove giorni, trasforma la città in un giardino. I ponti sul fiume, le mura della città e i vicoli del centro storico vengono pervasi dal profumo intenso delle composizioni floreali che decorano ogni angolo. è il momento di massimo splendore di Girona.

61. Visitare una chiesa in un cratere nella Garrotxa

È vero che esistono chiese nei luoghi più disparati e insospettabili, ma avevate mai visto una chiesa nel cratere di un vulcano? L'eremo di Santa Margarida de Sacot gode di questo insolito privilegio e per visitarlo basta andare nella zona vulcanica della Garrotxa, in provincia di Girona. Già che vi trovate in questa regione, cogliete l'occasione per fare una passeggiata nella Fageda d'en Jordà, una curiosa faggeta formatasi su un manto di lava.

62. Ammirare la provincia di Girona da una mongolfiera

La provincia di Girona rapisce il cuore di chiunque la visiti. Un modo curioso per apprezzarla nella sua interezza è salire a bordo di una delle tante mongolfiere che colorano i suoi cieli. Dall'alto potrete ammirare la Costa Brava, le cime imbiancate dei Pirenei o la zona vulcanica della Garrotxa. Nel corso di alcune di queste escursioni viene offerto dello spumante: perfetto per un'occasione speciale da festeggiare in coppia.

63. Gustare il panorama di Lleida fino alla Seu Vella

La Seu Vella, vero e proprio simbolo di Lleida, si trova in cima a una collina ed è visibile praticamente da qualsiasi punto della città. Sorprendentemente, la cattedrale è del tutto priva di arredi. Questo perché è stata utilizzata come caserma militare dalla fine del XVIII secolo fino alla metà del XX secolo, data la sua posizione strategica. Strano, non è vero?

64. Sciare sulle piste della Val d'Aran

La Val d'Aran vi dà il benvenuto in un paradiso perduto in mezzo ai Pirenei. Il suo territorio supera in buona parte i duemila metri di altitudine e alcune delle sue vette arrivano addirittura oltre i tremila. Non c'è quindi da stupirsi se è una delle località sciistiche più apprezzate, prima fra tutte la stazione di Baqueira Beret. Le sue piste adrenaliniche fanno la felicità degli sciatori.

Ski.jpg?1561065960

65. Un giro in bicicletta tra le risaie del delta dell'Ebro

Delta dell'Ebro e risaie sono un binomio inscindibile. Concedetevi il piacere di un'escursione su due ruote lungo i sentieri che attraversano pianure, canali d'irrigazione e lagune, ammirate la varietà dei paesaggi o fermatevi ad osservare le colonie stabili di fenicotteri e aironi. Se fa molto caldo, potrete spingervi fino a Punta de la Banya o Punta del Fangar per fare un tuffo: quale migliore ricompensa alla fine della gita?delta_del_Ebro.jpg?1561066174

66. Organizzare una calçotada a Valls

Quando arriva l'inverno, le giornate si accorciano e passiamo più tempo in casa. A Valls avrete la scusa perfetta per approfittare di qualche raggio di sole partecipando a una calçotada. Questi eventi gastronomici si svolgono in tutta la Catalogna, ma i più noti sono quelli di Valls, nella provincia di Tarragona. Prima arriva il pane con il pomodoro, poi i calçots, cipollotti tipici cotti alla brace, e per finire, carne e tanta salsa alioli. Se ne esce rotolando, ma chi lo prova poi ci torna!

CEUTA

67. Osservare le Mura Reali di Ceuta dal mare

In un viaggio a Ceuta non può assolutamente mancare una visita alle Mura Reali. Un modo alternativo per ammirarle è a bordo di una barca, attraversando il fossato di San Felipe e circumnavigando la penisola di Almina. Oltre alle spettacolari viste sulla muraglia e sullo stretto, avrete la possibilità di scoprire una miriade di curiosità. Sapevate che la parte più antica del muro risale al X secolo?

COMUNITÀ AUTONOMA DI MADRID

68. Ammirare il tramonto più suggestivo della capitale vicino al tempio di Debod

Un tempio egizio nel centro di Madrid. Questa è la premessa che spinge tantissimi curiosi a visitare questo monumento, offerto in dono del governo egiziano. Accanto al tempio c'è un piccolo parco, molto frequentato dai madrileni nelle giornate più calde. Vi sveliamo una chicca: trovandosi su un'altura, questo luogo regala panorami ineguagliabili sulla città e anche i tramonti più spettacolari di Madrid.

Templo_de_Debod.jpg?1561065980

69. Mangiare un panino ai calamari in Plaza Mayor a Madrid

È risaputo che Plaza Mayor è uno dei punti più emblematici di Madrid. Sedetevi su una terrazza e gustate un panino ai calamari. Per rendere il tutto ancora più sfizioso, vogliamo svelarvi alcune curiosità. Sapevate che la bocca della statua di Filippo III dovette essere saldata quando si scoprì, per caso, che si trattava di una trappola mortale per passeri? Osservate anche i lampioni: i loro rilievi illustrano alcuni degli episodi storici più importanti di cui questa piazza è stata protagonista.

70. Conoscere la Madrid di Almodóvar

Pedro Almodóvar è uno dei registi spagnoli più noti a livello internazionali e, secondo alcuni, si può attraversare Madrid seguendo le location dei suoi film. Vi invitiamo dunque a fare un percorso alternativo che vi porterà in luoghi emblematici come il Rastro, Plaza Mayor, il quartiere di Chueca o il mitico cocktail bar Museum Chicote. Andate alla scoperta della città seguendo la cinepresa di un regista inconfondibile!

71. Prenotare un tavolo nel ristorante più antico del mondo

Si dice che il ristorante Sobrino de Botín sia il più antico del mondo. Anche se non possiamo confermarlo con certezza, è sicuramente uno dei più longevi. In questo locale dai soffitti bassi e arredato con mobili barocchi, fondato nel 1725, potrete gustare piatti tipici della cucina madrilena e castigliana. Per curiosità, Pérez Galdós lo cita in un classico della letteratura spagnola: Fortunata e Giacinta.

72. Mangiare 12 acini d'uva alla Puerta del Sol

Una delle usanze spagnole più radicate è quella di dare il benvenuto al nuovo anno mangiando 12 acini d'uva, uno per ognuno dei rintocchi della mezzanotte alla Puerta del Sol. Ma invece di guardare i festeggiamenti in TV, perché non andate direttamente a Madrid? Se sarete tra i pochi privilegiati che riescono ad entrare in piazza e, soprattutto, a non perdersi: prima scende il carillon, poi suonano i quattro quarti e infine i dodici rintocchi.

COMUNITÀ VALENCIANA

73. Salire sul peñón d'Ifach, emblema del Levante

Il peñón d'Ifach domina la Costa Blanca con i suoi 332 metri di roccia calcarea. Dalla sua sommità si gode di una vista magnifica su Calp e sul Mediterraneo. Il percorso non sarà solo un ottimo allenamento per tenervi in forma... sapevate che nella zona sono presenti resti archeologici di antiche civiltà? Se vi piacciono le arrampicate, non perdetevi i tanti sentieri che salgono in cima.

Pen%CC%83on_de_Ifach.jpg?1561066020

74. Peñíscola, location di battaglie da film

Peñíscola, nella Costa Azahar, vanta una grande tradizione marinara. Visitando il suo castello posto in cima a una rupe rocciosa e passeggiando per i suoi vicoli, si può sentire il mormorio del vento che sussurra storie di battaglie d'altri tempi. Il fascino di questo luogo ha conquistato anche i produttori di grandi successi come El Cid o Trono di spade, che l'hanno scelto come set per alcune riprese.

75. Assistere a un festival di musica a Castellón

In tutta la Spagna ci sono tantissimi festival che accontentano i gusti degli amanti della musica, ma ce n'è uno in particolare che merita attenzione, quello di Castellón. Appuntamenti come FIB, Arenal Sound o Rototom Sunsplash attirano ogni anno migliaia di appassionati di musica dal vivo. In effetti, a Castellón, il turismo legato al festival supera già numericamente quello degli amanti del sole e delle spiagge!

76. Visitare la Città delle Arti e delle Scienze di Valencia

La Città delle Arti e delle Scienze ha trasformato radicalmente Valencia. Passeggiare tra gli edifici futuristici è un'esperienza magnifica, da completare visitando i suoi musei. Archi sospesi su una passeggiata in mezzo al verde, edifici a forma di scheletro di balena e il più grande parco marino d'Europa sono alcune delle sorprese architettoniche che vi aspettano; al tramonto si possono scattare fotografie straordinarie.

Ciudad_de_las_artes_Valencia.jpg?1561066048

77. Gita in barca sulla Albufera

Se volete allontanarvi dal trambusto cittadino, vi consigliamo di visitare l'Albufera. una laguna naturale e pacifica che si trova a soli dieci chilometri da Valencia, meta perfetta per una gita fuori città. Lungo tutto il perimetro sono ormeggiate piccole imbarcazioni che offrono gite piacevolissime. Per finire, gustatevi la migliore paella valenciana in uno dei tanti ristoranti della zona.

78. L'esmorzaret, un segreto che i valenciani custodiscono gelosamente

Molti turisti che visitano la capitale della "Terreta" hanno un obiettivo ben preciso: assaggiare la paella più autentica. Ma se vi dicessimo che a Valencia c'è un'altra grande tradizione gastronomica, molto meno conosciuta? Qui l'esmorzaret è una vera e propria istituzione: un panino di dimensioni epiche, qualche stuzzichino da spiluccare e una birra o una bibita per facilitare la digestione. Dopo averlo provato, il caffè con il cornetto vi sembreranno una colazione troppo banale.

ESTREMADURA

79. Assistere a un'opera teatrale nel teatro romano di Mérida, antica capitale della Lusitania

Le cicogne sorvegliano Mérida dai loro nidi e salutano i viandanti con il loro singolare "battibecco". Se questo paesaggio non riuscirà a farvi innamorare, di sicuro lo faranno le sue rovine romane. La città offre tantissime attività, ma se avete poco tempo non perdetevi uno degli spettacoli teatrali che si tengono nel teatro romano durante il Festival Internazionale del Teatro Classico di Mérida. Sarà come fare un viaggio nel tempo all'epoca dell'imperatore Ottavio Augusto.

teatro-romano-298652_1920.jpg?1561066068

80. Jerez de los Caballeros: i templari, il prosciutto di bellota e Núñez de Balboa

Che cosa hanno in comune Núñez de Balboa, il prosciutto di bellota e i templari? La risposta è semplice: Jerez de los Caballeros. Questa località fatta di strade ripide, piazze imbiancate a calce, conventi e case nobiliari è la città natale di Núñez de Balboa, ma è anche la città dei templari e dei migliori prosciutti iberici: qui il maiale iberico è l'abitante più amato e coccolato. Non si arriva a Jerez per caso, ma vi possiamo garantire che non ve ne pentirete.

81. La valle del Jerte: un paradiso dei sensi

Non c'è bisogno di andare fino in Giappone per celebrare l'hanami: tra la fine di marzo e l'inizio di aprile la valle del Jerte si tinge di bianco grazie alla presenza di più di un milione e mezzo di ciliegi. Per ammirarli da diversi punti di vista, visitate vari borghi come Valdastillas, Rebollar o El Torno. L'architettura di queste località e la bellezza delle montagne e delle cascate sono altri ottimi per visitare la zona.Valle_del_Jerte.jpg?1561066082

82. Andare alla scoperta di Trujillo: terra di grandi navigatori e avventurieri

Si percepisce qualcosa di mistico percorrendo le strade di Trujillo, un'aura che si sprigiona dalle sue strade strette e che ricorda le epoche di massimo splendore quando personaggi illustri si avventurarono alla scoperta delle Americhe. In questo paese in provincia di Cáceres, quello che più vi sorprenderà sarà scoprire il suo passato romano, arabo e medievale. Trujillo è dominata dal castello, antica fortezza, da cui si godono magnifici panorami sulla campagna estremegna, ma è nella Plaza Mayor che si respira la sua vera essenza, circondati da incantevoli palazzi.

GALIZIA

83. Ammirare il Botafumeiro nella cattedrale di Santiago de Compostela

Molti pellegrini vedono ricompensati i loro sforzi quando arrivano alla Praza do Obradorio in Santiago. La complessa facciata barocca è assolutamente spettacolare, anche anche l'interno non è da meno. Informatevi con un po' di anticipo per sapere in quali giorni il Botafumeiro è in funzione e poter vedere il fumo che sprigiona arrivare fin quasi alla volta del transetto. Al termine della visita, vi suggeriamo di fare una passeggiata nel centro storico di Santiago de Compostela e fermarvi in una delle osterie della città per gustare le delizie della gastronomia galiziana.

Santiago_de_Compostela.jpg?1561066097

84. Proseguire il Cammino di Santiago fino a Fisterra

Secondo le stime, sono quasi 300.000 i pellegrini che ogni anno riescono a completare il cammino di Santiago e questo numero è in crescita costante. Quello che non tutti sanno, però, è che esiste un prolungamento del cammino fino a Fisterra (o Finisterre) e Muxia, estremità occidentale della Penisola Iberica. Percorrete il sentiero millenario più sconosciuto del Cammino di Santiago e capirete perché questo luogo era considerato la fine del mondo.

85. Sentirsi come una formichina sulla spiaggia di Las Catedrales

Nella provincia di Lugo si trova una delle spiagge più spettacolari della Galizia: quella di Las Catedrales. Deve il suo nome alle imponenti formazioni rocciose plasmate dalle acque del mar Cantabrico, che ricordano appunto le cattedrali gotiche. Se avete intenzione di fare una passeggiata tra i suggestivi archi di pietra, sappiate che il numero delle visite giornaliere è stato limitato, per far sì che tutti i visitatori possano godere al massimo di questo luogo.

86. In viaggio per la Ribeira Sacra e i canyon del Sil

Salite in macchina e dirigetevi verso la Ribeira Sacra. I canyon del Sil, una gola di 500 metri di dislivello appena prima che il fiume confluisca nel Miño, sono uno dei tesori naturali più preziosi della Galizia. Attraversando questa splendida terra di vini incontrerete chiese diroccate, belvedere, monasteri e paesini affascinanti. Per un'esperienza ancora più coinvolgente, vi consigliamo di fare un'escursione in catamarano, l'attività di punta in questa zona

87. Festeggiare il Carnevale di Verín, uno dei più famosi di Orense

In Galizia sanno come divertirsi e il loro Carnevale ne è la prova vivente. Non esistono solo le celebri chirigotas (canzoni umoristiche in rima) di Cadice o l'elezione della Regina del Carnevale di Tenerife o di Las Palmas: almeno una volta nella vita bisognerebbe assistere a una delle tante feste di Verín. I cigarrones (uomini in maschera che corrono per le strade cercando di coinvolgere la gente) sono i principali protagonisti insieme alle charangas (piccole bande musicali), ai balli in maschera e alle comparse. Qui si balla fino all'alba!

88. Un battesimo del mare alle isole Cíes

Volete scoprire la grandezza dei nostri mari? Non c'è niente di meglio di un battesimo del mare nelle acque che circondano le isole Cíes, un'esperienza da fare almeno una volta nella vita. Se però le immersioni subacquee non fanno per voi, un ottimo punto di osservazione per ammirare questo ricco ecosistema sottomarino è il fondo di vetro di un'imbarcazione: gabbiani, cormorani e delfini saranno i vostri compagni di viaggio.

Islas_cies.jpg?1561066117

LA RIOJA

89. Aperitivo con tapas in Calle del Laurel, l'anima dinLogroño

Per assaporare appieno lo spirito autentico di Logroño, ilnvostro itinerario deve assolutamente includere Calle del Laurel. Questa ènsicuramente la più famosa, anche se in realtà ci sono molte altre vie piene dinbar e osterie. Un consiglio per i principianti: ogni locale è specializzato innuna o due tapas e l'associazione dei commercianti ha stilato un elenconufficiale che potete trovare su Internet. Consultatelo per decidere le vostrencombinazioni preferite, da innaffiare con il miglior vino Rioja.

MELILLA

90. Visitare Melilla, la mecca sconosciuta del modernismo

Sapevate che Melilla è la seconda città della Spagna doponBarcellona per numero di edifici modernisti? Anche se si trova a più di millenchilometri da Barcellona, questa città nord africana deve il suo voltonmodernista a Enrique Nieto, apprendista di Gaudí, che vi si trasferì e lantrasformò completamente. Nella zona chiamata Triangolo d'Oro si possononammirare alcuni grandi esempi di questo movimento artistico. Oltre allanstraordinaria architettura, qui si trovano moltissimi negozi dove vi potretenconcedere qualche capriccio.

MURCIA

91. Conoscere la storia di Murcia in modo divertente

Murcia vanta tradizioni antichissime, ma sapevate che le suenstrade sono vere e proprie lezioni di storia a cielo aperto? In diversi puntindella città sono disseminati cartelloni variopinti che raccontano gesta epiche,nleggende o curiosità di Murcia. Se viaggiate con bambini, l'itinerarionsuggerito da questi cartelloni informativi può diventare un giocondivertentissimo.

NAVARRA

92. Festeggiare i Sanfermines a Pamplona

"Pobre de mí, que se han acabado las Fiestas de SannFermín" (Povero me, è finita la Festa di San Firmino): con questo canto sinchiude tradizionalmente la festa più internazionale della città, e subito anPamplona inizia il conto alla rovescia per l'inizio della festa successiva.nVestitevi di bianco e rosso e immergetevi nello spirito più festoso dinPamplona. Sfidare la sorte negli encierros non è da tutti, ma i meno temerarinpotranno comunque seguire la corsa dei tori dalla barriera.

San_Fermin_Encierro.jpg?1561066141

93. Scoprire il folclore navarro nella valle del Baztán

I racconti di streghe e di esseri mitologici conferiscono alla Valle di Baztan un'aura mistica particolarmente affascinante. Provate a scovare il basajaun, il protettore dei boschi, e attenti a non accettare noci dagli sconosciuti perché potrebbero riservarvi brutte sorprese. Qui vi aspettano paesaggi verdeggianti bagnati dal fiume Baztán o itinerari letterari ispirati alla trilogia di Dolores Redondo, che ha risvegliato un grande interesse verso questa regione.

PAESI BASCHI

94. Vitoria-Gasteiz, una galleria d'arte a cielo aperto

Vitoria-Gasteiz nasconde un segreto che neanche alcuni baschi conoscono: una galleria d'arte urbana a cielo aperto. Se apprezzate questo tipo di espressione artistica e volete conoscere il centro storico del capoluogo della provincia di Álava, l'itinerario muralistico che vi proponiamo soddisferà tutti i vostri desideri. Ogni anno la collezione si arricchisce con opere nuove, quindi c'è sempre una buona scusa per tornare

95. Zumaia: un paesaggio straordinario

Zumaia, sulla costa di Guipúzcoa, è un posto dall'incredibile valore geologico. In suo fascino è dovuto in parte alla sua posizione, incastonata tra scogliere formate da strati rocciosi chiamati "flysch". Se per caso doveste stancarvi di guardare questa meraviglia naturale dalla terraferma, potete fare una traversata fino a Mutriku per ammirare questo paesaggio straordinario dal mare.

flysch.jpg?1561066230

96. Assistere ai festival del cinema e del jazz di San Sebastián

Gli amanti del mondo della cultura hanno un doppio appuntamento a San Sebastián. Il Jazzaldia, il festival del jazz di San Sebastián, riunisce nomi di spicco della panorama contemporaneo e propone spettacoli anche gratuiti e concerti sulla spiaggia. Un paio di mesi dopo è il turno del famoso festival internazionale del cinema. In questo periodo la città si veste di gala, quindi cercate il photocall del Kursaal e mettetevi in posa per uno scatto da vere star.

97. Bevete txacolí a Getaria, la capitale basca della moda

Balenciaga è riuscito a dare lustro al nome di Getaria e il museo dedicato a questo stilista è una delle principali attrazioni del comune. Quello che forse non sapete, però, è che Getaria possiede anche una denominazione di origine per la produzione del txacolí. Per berlo nella maniera più autentica, scegliete una delle osterie locali e ordinatelo come aperitivo. Capirete perché Getaria è una destinazione gastronomica tanto apprezzata!

98. Trascorrere una giornata all'insegna dell'arte al Guggenheim di Bilbao

Il Museo Guggenheim di Bilbao ha trasformato il profilo di Bilbao sulle rive del Nervión. Se siete appassionati di arte contemporanea, non perdetevi le sue esposizioni, ma fermatevi anche ad ammirare l'edificio dall'esterno, con la sua forma di barca che testimonia il passato industriale della città. All'ingresso vi accoglierà Puppy, una gigantesca scultura di fiori. Sapevate che questo cagnolino cambia vestito due volte all'anno?

Guggenheim.jpg?1561066202

99. San Juan de Gaztelugatxe e Bermeo: due tesori sulle coste della Biscaglia

Non è necessario essere fan del Trono di spade per apprezzare l'insolito paesaggio di San Juan de Gaztelugatxe, un'isoletta sormontata da un eremo e collegata alla terraferma da uno stretto ponte di pietra. Prima di tornare a Bermeo, un paesino sulla costa che conserva ancora la sua anima marinara nelle sue strade e piazze, ricordatevi di suonare per tre volte la campana dell'eremo: secondo una credenza locale, questo spaventerebbe gli spiriti maligni.

100. Il bosco di Oma in Biscaglia: dove natura e arte si incontrano

Se alloggiate in un hotel a Bilbao vi suggeriamo un'escursione fantastica nel bosco di Oma, un tesoro nascosto che unisce arte e natura. I 47 alberi che compongono l'opera dell'artista Agustín Ibarrola, con i loro tronchi decorati con coloratissimi dipinti, ricordano le espressioni artistiche più primitive. Chi ha detto natura e arte non possono andare a braccetto? In questo ambiente, entrerete anche voi in un quadro vivente.

Con tutte queste scelte a disposizione, state già organizzando il prossimo viaggio? Se non è così, forse vi serve qualche spunto in più. Vi invitiamo a consultare Explore, il magazine di viaggi di Expedia che contiene tutto ciò che serve per andare alla coperta di nuovi orizzonti a modo vostro. Perché la verità è questa: il vostro viaggio comincia qui. Buon divertimento**LEGGI ANCHE: 100 cose da vedere in Germania!**