L'acquario, una mini fuga in crociera, il parco giochi e le botteghe storiche: ecco le cose da fare a Genova con i bambini durante il weekend.

Gloriosa Repubblica Marinara, Genova è storicamente conosciuta come città marittima per il suo profondo legame con il mare, che l'ha resa nei secoli principale snodo commerciale della Penisola e grande crocevia mercantile. Oggi la grandezza de "La Superba" si manifesta soprattutto negli occhi dei più piccoli: per trascorrere un weekend con i bambini, Genova è, infatti, la città ideale, grazie alle sue molteplici attrazioni e al suo meraviglioso porto, meta in cui approdare o salpare alla volta di un'avventurosa crociera.

Genova in una xilografia del 1483 di Michael Wohlgemuth da Il Liber Chronicarum di Hartmann Schedel. By Michel Wolgemut, Wilhelm Pleydenwurff (Scan from original book)  , via Wikimedia CommonsGenova in una xilografia del 1483 di Michael Wohlgemuth da Il Liber Chronicarum di Hartmann Schedel. By Michel Wolgemut, Wilhelm Pleydenwurff (Scan from original book) , via Wikimedia Commons

1. L'acquario di Genova, un tuffo nell'immenso blu

1 milione di visitatori l'anno, 9.700 metri quadrati di superficie 70 vasche espositive e 15.000 animali, rendono l'Acquario di Genova uno dei più grandi d'Europa e tra le mete turistico - culturali principali d'Italia. Costruito da Renzo Piano nella parte antica del porto, nel Ponte della Spinola, l'Acquario ospita una varietà infinita e florida di specie tra cui pesci, mammiferi marini, squali, rettili, uccelli e cetacei. Grazie a interessanti percorsi organizzati come la "Notte con gli Acquari" o la "CrocierAcquario" è possibile immergersi nel blu e vivere un'esperienza unica a contatto con i grandi protagonisti del mare.

LEGGI ANCHE: 5 idee per un'escursione in barca a vela da Genova!

Acquario di Genova. Courtesy of © acquariodigenova.it  La struttura dell'Acquario di Genova è tra le più grandi d'Europa e ospita di più 15mila specie di animali tra uccelli, peschi, squali e cetacei.Acquario di Genova. Courtesy of © acquariodigenova.it La struttura dell'Acquario di Genova è tra le più grandi d'Europa e ospita di più 15mila specie di animali tra uccelli, peschi, squali e cetacei.

2. La città dei bambini: conoscere il mondo giocando

Nel cuore del Porto Antico, nel complesso dell'Acquario Village, è possibile diventare grandi, semplicemente giocando. La città dei bambini è un meraviglioso parco giochi di oltre 2.000 metri quadri che accompagna i ragazzi dai 2 ai 12 anni alla scoperta della tecnologia, la chimica, l'ambiente e la scienza attraverso il gioco, strumento educativo per conoscere, osservare e sperimentare. Tra grotte fatate, cantieri attrezzati di gru, carriole e mattoncini di gomma, e grazie a più di 90 exhibit multimediali e interattivi la città dei bambini è la meta perfetta per imparare in allegria.

La città dei Bambini. Courtesy of © Costa Edutainment Spa / acquariodigenova.it Area giochi di 3mila metri quadri, La città dei bambini è il luogo ideale per educare i più piccoli divertendosiLa città dei Bambini. Courtesy of © Costa Edutainment Spa / acquariodigenova.it Area giochi di 3mila metri quadri, La città dei bambini è il luogo ideale per educare i più piccoli divertendosi.

3. Una crociera che profuma di relax

Consacrata al mare, Genova accoglie le più grandi navi da crociera italiane che salpano ogni giorno dal porto di Pra'. Malta, Spagna, Francia sono le principali destinazioni per chi vuole concedersi un lungo weekend europeo insieme ai bambini, e in totale relax. È possibile, infatti, acquistare diversi pacchetti viaggio che si prendono cura dei grandi, senza perdere di vista il divertimento dei più piccoli. La Costa Crociere e la Msc Crociere offrono per esempio un'ampia offerta ludica: Acquapark, Cinema 4D, Miniclub dove poter partecipare a tornei sportivi, lezioni di disegno, corsi di ballo, di montaggio e di regia.

La Costa Crociere punta inoltre sulla "realtà virtuale", con sale giochi all'avanguardia come il Playstation World, uno spazio dedicato all'intrattenimento di ultima generazione.

Trova la tua crociera nella pagina dedicata di Expedia.

4. La bottega storica più antica: La Farmacia Sant'Anna

Insieme alla Lanterna e al centro storico (Patrimonio Unesco dal 2006), le botteghe sono il cuore pulsante di Genova, una testimonianza ancora viva delle origini del capoluogo ligure. Tra i caruggi e i palazzi alti della città, le botteghe storiche sprigionano sapori e profumi autentici e nostalgici, come la Farmacia Sant'Anna, incastonata nel convento dei Carmelitani Scalzi fondato nel 1584 da Niccolò Doriae.

La farmacia, aperta al pubblico nell'Ottocento, ha mantenuto la sua tradizione galenica e fitoterapica in un ambiente che conserva ancora la struttura originaria. Fa da cornice un piccolo giardino nel chiostro della bottega, un'oasi silenziosa per rinfrancare il cuore e lo spirito.

Antica Farmacia Erboristica Sant'Anna. Courtesy of Erboristeria dei Frati (www.erboristeriadeifrati.it) La Bottega di Sant'Anna è tra le più antiche di Genova, costruita nel Seicento, ha mantenuto ancora intatta la sua struttura originariaAntica Farmacia Erboristica Sant'Anna. Courtesy of Erboristeria dei Frati (www.erboristeriadeifrati.it) La Bottega di Sant'Anna è tra le più antiche di Genova, costruita nel Seicento, ha mantenuto ancora intatta la sua struttura originaria.

5. La bottega Klainguti, un Falstaff per Giuseppe Verdi

Tra la piazza Soziglia e piazza Campetto sorge la Bottega Klainguti, una piccola pasticceria in stile rococò nata per caso nel 1828 grazie a quattro fratelli svizzeri, rimasti ammaliati da Genova e dalla sua bellezza. Tra le specialità della casa: la torta Zena, gelatine di frutta e la brioche Falstaff, vera e propria delizia creata appositamente per Giuseppe Verdi. Il celebre compositore ringraziò i Klainguti con un biglietto che ancora oggi è visibile all'interno della bottega sopra il bancone dei dolci.

Photo credit

Foto di copertina: Genova è famosa per il porto antico, per il centro storico e per aver dato i natali a grandi personaggi della storia come Giuseppe Mazzini, Goffredo Mameli e Cristoforo Colombo.