Il capoluogo lombardo è un perfetto connubio di storia e modernità, dove arte, moda e design si incontrano. Ecco le cose da vedere a Milano.

Di quella Milano scanzonata e malinconica di Enzo Jannacci non resta molto. I vecchi tram, il Duomo e i navigli. Tutto intorno i quartieri cambiano veloci. Perdono la loro identità e ne conquistano una nuova. Milano è una città dove l'antica chiesa di Sant'Ambrogio convive perfettamente con i nuovi edifici del quartiere Isola, in un amalgama di contrasti. Sei vuoi scoprire cosa vedere a Milano, ti proponiamo una breve guida, divisa in sezioni tematiche.


Le piazze, le strade, i monumenti

Il simbolo per antonomasia di Milano è il suo Duomo. Realizzato in stile gotico, è il fulcro - con la vicina Galleria Vittorio Emanuele II - della città. Sulla sua sommità si erge la statua dorata della Madonna assunta, conosciuta anche come "Madunina". Non perdetevi qui una suggestiva visita al tetto del duomo.

Nella piazza antistante si trova la statua di Vittorio Emanuele, mentre sul lato nord si trova l'ingresso dell'omonima elegante galleria, con i suoi negozi, i suoi ristoranti e il mosaico a terra del toro portafortuna. Camminando sotto il porticato lungo il lato nord della piazza, si raggiunge la Rinascente e di seguito via Vittorio Emanuele II, una delle strade dello shopping milanese. Proseguendo si raggiunge il quartiere di San Babila, con le sue elegantissime strade come via Monte Napoleone.

Se dal Duomo, invece, si opta per la direzione opposta, lungo via dei Mercanti e via Dante si giunge al Castello Sforzesco con il Parco Sempione che si schiude alle sue spalle con i suoi curati sentieri e il suo specchio d'acqua. Un paesaggio incredibilmente suggestivo nei mesi autunnali, con un foliage senza eguali.

Il Duomo di Milano
Il Duomo di Milano

L'arte a Milano

Ritornando verso il Duomo, appena usciti dal Castello Sforzesco svoltate a sinistra da piazza Cairoli verso via Cusani per proseguire su via dell'Orso. Poi svoltate a sinistra su via Brera. Al civico 28 raggiungete la famosissima Pinacoteca di Brera dove potrete ammirare il Cristo Morto di Andrea Mantegna, lo Sposalizio della Vergine di Raffaello, Il Bacio di Francesco Hayez e varie opere del Boccioni e Modigliani. Continuando il nostro riavvicinamento al Duomo, tornati su via Dante, si procede fino a svoltare su via Cantù.

A piazza Pio XI trovate la Biblioteca Pinacoteca Accademia Ambrosiana che ospita varie opere pittoriche del XV-XX secolo, tra i quali la Canestra di frutta di Caravaggio. Giunti a piazza Duomo, sulla destra trovate il Museo del Novecento che ospita le più famose opere dell'ultimo secolo tra le quali dipinti di Pablo Picasso, Georges Braque, Paul Klee, Vasilij Kandinskij e Amedeo Modigliani. Da non perdere la collezione dedicata al Futurismo con opere di Umberto Boccioni, Giacomo Balla, Fortunato Depero, Gino Severini, Carlo Carrà.

Dalla parte opposta di piazza del Duomo, attraversate tutta la Galleria Vittorio Emanuele II e raggiungete il Teatro alla Scala che racchiude al suo interno anche una parte museale, dedicata ai costumi di scena e strumenti musicali. Infine, proseguendo lungo via Manzoni, al civico 12 troverete il Museo Poldi Pezzoli, dove ammirare la Madonna del Pollaiuolo.

I parchi e il verde sotto la "Madunina"

Il polmone verde di Milano è certamente il Parco Sempione, il più amato dai meneghini. Una volta riserva di caccia dei Visconti e degli Sforza, cambia fisionomia nel XIX secolo. L'architetto Emilio Alemagna è incaricato di progettare il parco seguendo il modello all'inglese. Al suo interno, oggi, potrete ammirare il Palazzo dell'Arte che ospita la Triennale d'Arte Decorativa. Poco più in là non perdetevi la "Fontana metafisica" realizzata da Giorgio de Chirico. Sul lato nord-ovest del parco, sorge l'Arco della Pace, voluto da Napoleone e rivolto verso Parigi. Infine, lungo il perimetro orientale, troverete l'Acquario civico.

Ai margini del centro storico milanese, verso nord potete visitare i giardini pubblici Indro Montanelli. Quest'area destinata al verde pubblico è oggi intitolata al noto giornalista scomparso, ma rappresenta anche il primo esempio di giardino urbano a Milano. Il parco include il Palazzo Dugnani, realizzato nel 1600, il Museo Civico di Storia Naturale, progettato nel 1892 da Giovanni Ceruti, l'interessante Planetario Ulrico Hoepli, progettato dall'architetto Pietro Portaluppi nel 1929.

Nella periferia est della città, non perdetevi una passeggiata lungo l'Idroscalo. Questo bacino artificiale veniva impiegato come vera e propria pista di atterraggio e decollo degli idrovolanti. Oggi è il luogo principale dove si svolgono competizioni sportive acquatiche in città e dove molti milanesi si rilassano passeggiando lungo la sua costa orientale. Altro luogo legato all'acqua è la zona dei Navigli. Recentemente riqualificati con importanti lavori che si sono concentrati sulla Darsena, rappresentano oggi, ancor più di ieri, un punto di aggregazione per i giovani milanesi.

Il Castello Sforzesco
Il Castello Sforzesco

Shopping e design

Milano è famosa anche per lo shopping, soprattutto quello di lusso. Boutique e negozi molto ricercati si concentrano nel cosiddetto "quadrilatero della moda", il cui fulcro è via Monte Napoleone con le sue lussuosissime vetrine dei più prestigiosi marchi. Davanti alle vetrine e talvolta sui marciapiedi sono parcheggiate costosissime auto sportive di vip e calciatori. E pensare che solo qualche decennio fa era una strada di conventi.

Gli amanti del design, potranno apprezzare due delle migliori gallerie d'Italia, come quella di Rossana Orlandi (in via Matteo Bandello 14) e De Padova (via Santa Cecilia, 7) dove poter ammirare (e acquistare) mobili e oggetti per la casa.

L'ingresso della Galleria Vittorio Emanuele II
L'ingresso della Galleria Vittorio Emanuele II

Photo credit

Foto di copertina: I Navigli