Ce ne sono così tanti di monumenti a Venezia che sceglierne alcuni è un compito arduo e molto arbitrario. Perché più che una città, la Serenissima è un'immensa opera d'arte, frutto dell'intreccio armonico tra natura e la sapiente mano dell'uomo. Ma da qualche parte bisognerà pur cominciare e allora proviamo a partire da questi.

1. Basilica di San Marco

Capolavoro romanico-bizantino, coperta da cinque cupole e con una facciata suddivisa da cinque portali, la Basilica di San Marco è un tripudio di marmi e mosaici, dipinti e sculture.

2. Campanile di San Marco

Torre a pianta quadra, alta 99 metri, il campanile di San Marco ha svolto a lungo il ruolo di faro per i naviganti. Costruito inizialmente nel XII secolo, è stato rivisitato agli albori del Cinquecento, quando venne aggiunta una cella campanaria e assunse la forma attuale. Alla base del campanile si trova la preziosa loggetta edificata da Jacopo Sansovino.

3. Palazzo Ducale

Simobolo cittadino, in passato sede del Doge e della magistratura, il Palazzo Ducale è un'autentica meraviglia gotica, stratificazione maestosa di elementi architettonici. All'esterno, si succedono raffinate decorazioni, tra allegorie, capitelli e sculture, mentre, all'interno, si sprigiona l'arte dei grandi pittori veneti, da Tiziano a Veronese, da Tiepolo al Tintoretto. Tanti gli ambienti da esplorare, a cominciare dalle sale politihe e dalle sontuose stanze dell'Appartamento del Doge.

4. Ponte di Rialto

Terminato nel Cinquecento per collegare le due rive del Canal Grande in sostituzione di un ponte di legno, il Ponte di Rialto è una magnifica costruzione in pietra su palafitte, su cui oggi si succedono pittoresche botteghe.

_MG_4884.jpg?1592585909Credit: Tourism Media

5. Ponte dei Sospiri

Costruito nel Seicento, garantisce l'accesso alle Prigioni. Peculiare la piccola finestra che dà sul bacino di San Marco e incornicia l'Isola di San Giorgio.

6. Gallerie dell'Accademia

Senza dubbio tra i più rilevanti musei d'Italia, passaggio obbligato per chi vuole ammirare l'arte dal Trecento al Settecento, le Gallerie dell'Accademia distribuiscono le proprie collezioni tra la Scuola Grande di Santa Maria della Carità, la chiesa omonima e il Monastero dei Canonici Lateranensi. Tanti i capolavori esposti, cominciando dai polittici trecenteschi e dalle pale d'altare del XVI secolo e passando dai grandi pittori della scuola veneta, da Giorgione a G. Bellini, da Carpaccio a Tintoretto.

7. Palazzo Venier dei Leoni (Collezione Peggy Guggenheim)

Edificio incompiuto, il Palazzo Venier dei Leoni è sede della celebre Collezione Peggy Guggenheim, punto di riferimento in Italia per l'arte europea ed americana della prima metà del Novecento. Cubismo, Futurismo, Pittura Metafisica, Astrattismo europeo, Surrealismo ed Espressionismo Astratto americano compongono la collezione permanente, a cui si aggiungono mostre temporanee. Tra gli artisti presenti, Picasso, Braque, Duchamp, Mondrian, Kandinsky, Mirò, Magritte, Dalì, Pollock e molti altri.

8. Basilica di Santa Maria della Salute

Eretta dopo la fine della peste, questa chiesa del Seicento è particolarmente celebre per la composizione di statue che ne decora la facciata e per alcuni straordinari dipinti conservati al suo interno, tra cui una pala di Tiziano.

9. Ca' d'Oro (Galleria Giorgio Franchetti)

Questo palazzo in stile tardogotico veneziano, dotato di una magnifica corte interna, ospita una sublime collezione di opere d'arte, che spazia da dipinti a sculture, da arazzi a bronzi. Tra i tanti capolavori, da non perdere il San Sebastiano del Mantegna e la Venere di Tiziano.

10. Teatro La Fenice

Inaugurato alla fine del Settecento, ma distrutto da due incendi (1836 e 1996), il Teatro la Fenice è stato riportato agli antichi splendori nel 2003 ed è oggi uno dei più prestigiosi ed eleganti teatri lirici del mondo.

11. Museo Correr

Distribuito tra l'Ala Napoleonica di Piazza San Marco e le Procuratie Nuove, il Museo Correr propone diversi percorsi al visitatore, dalle sculture neoclassiche del Canova alla ricca collezione di pittura veneziana, dalla storia all'urbanistica alla vita quotidiana.

12. Ca' Rezzonico

Mobili e dipinti del Settecento veneziano adornano le sale di Ca' Rezzonico. La collezione è davvero ricca, tra affreschi del Tiepolo e i quadri della Pinacoteca Egidio Martini, che spazia dal Quattrocento al Novecento e vanta artisti come Tintoretto e Bernardo Strozzi.

_MG_3627.jpg?1592586044

Credit: Tourism Media

13. Torre dell'Orologio

Edificata alla fine del Quattrocento a fianco della Basilica di San Marco, la Torre dell'Orologio è un preziosissimo esempio di architettura veneziana rinascimentale. In cima alla torre, i bronzei "Mori" battono le ore sulla campana.

14. Chiesa di San Giorgio Maggiore

Progettata dal Palladio, custodisce opere del Tintoretto, del Carpaccio e di Palma il Giovane. Due straordinarie opere del Tintoretto decorano il presbiterio: L'Ultima Cena e Il Cader della Manna.

15. Basilica dei Frari

Realizzata una prima volta tra Duecento e Trecento e poi una seconda volta, sempre nel XIV secolo, la Basilica dei Frari è una costruzione gotico-francescana, di grande imponenza, con le sue tre navate, le sette cappelle absidali e l'altissimo campanile in cotto. Di grande rilievo è poi la sua raccolta di opere d'arte.

16. Arsenale di Venezia

Risalente al 1104, questo storico complesso di officine e cantieri navali fu il nerbo dell'industria navale veneziana sin dal XII secolo. Era qui che venivano assemblate le navi che permisero a Venezia di affrontare gli ottomani e dominare le rotte dell'Europa settentrionale.

17. Punta della Dogana

La punta a forma di triangolo che divide il Canal Grande e il Canale della Giudecca è conosciuta come Punta della Dogana e racchiude la Basilica di Santa Maria della Salute, il seminario patriarcale e il complesso della Dogana da Mar. La Basilica e la Dogana da Mar, entrambi seicenteschi, meritano una visita: la prima, in perfetto stile barocco veneziano, presenta un'enorme cupola che sovrasta il Canal Grande; la seconda, dalla pregevole architettura, ospita il centro d'arte contemporanea progettato da Tadao Andō.

18. Ca' Pesaro (Galleria Internazionale d'Arte Moderna)

Ca' Pesaro è senza dubbio il più rilevante palazzo barocco di Venezia ed è qui che ha sede la Galleria Internazionale d'Arte Moderna, notevolissima raccolta di opere dei secoli XIX e XX, che vanta artisti come Klimt, Chagall, Kandinsky, Klee e Matisse.

19. Palazzo Grassi

Costruito a metà del Settecento, ha avuto vari destinazioni d'uso nel tempo, ma da quando lo comprò la Fiat S.p.a., nel 1984, venne destinato a mostre d'arte internazionali. Sotto l'ultimo proprietario, François Pinault, Palazzo Grassi è stato restaurato dall'architetto giapponese Tadao Ando.

_MG_3711.jpg?1592586116

Credit: Tourism Media### 20. Cimitero monumentale di San Michele

Questo splendido cimitero monumentale, ubicato sull'isola di San Michele e risalente agli inizi del XIX secolo, ha ben poco da invidiare al più celebre Père-Lachaise di Parigi. Tanti i personaggi famosi sepolti qui: dai compositori Igor Stravinskij ed Ermanno Wolf Ferrari ai poeti Josif Brodskij e Ezra Pound, dallo psichiatra Franco Basaglia allo scienziato Christian Doppler.

21. Palazzo Contarini dal Bovolo

La scala a chiocciola (bovolo) all'interno del cortile dà il nome a questo palazzo di fine Quattrocento, affacciato sul Rio di San Luca. Al suo interno, una raccolta di dipinti, tra cui due opere di Sebastiano Ricci.

22. Scuola Grande di San Rocco

Edificata nella prima metà del Cinquecento, era una delle sei "Scuole grandi" di Venezia e ospita un importante ciclo di Tintoretto, con scene del Nuovo e del Vecchio Testamento e un autoritratto.

23. Chiesa di San Zaccaria

Dalle origini antiche, questa chiesa venne ricostruita nel Quattrocento e da allora presenta una pregevole facciata rinascimentale. All'interno, un peculiare intreccio tra stili gotico e stile rinascimentale, oltre a una preziosa collezione di dipinti.

24. Basilica dei Santi Giovanni e Paolo

Anche la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo è contraddistinta da un interessante coesistenza di elementi gotici e rinascimentali. Da ammirare, poi, le opere conservate all'interno, tra cui una tela di Loto e un polittico del Bellini.

25. Chiesa del Santissimo Redentore

Tra i principali esempi di architettura sacra palladiana, la Chiesa del Santissimo Redentore, innalzata nel Cinquecento per celebrare la fine della peste, custodisce dipinti, tra gli altri, del Tintoretto e di Paolo Veronese.

26. Palazzo Fortuny

Questo palazzo gotico, un tempo proprietà della famiglia Pesaro, fu acquistato in seguito dall'artista spagnolo Mariano Fortuny, che ne fece il proprio studio. Oggi è una casa-museo, di grande interesse sia per via degli ambienti perfettamente conservati sia per via degli oggetti esposti.

27. Biblioteca Nazionale Marciana

Ospitata dal Palazzo della Libreria e dall'ex fabbrica della Zecca della Repubblica veneta, la Biblioteca Nazionale Marciana venne realizzata nel corso del Cinquecento, con un ampio salone ricco di decorazioni e fornito di banchi in legno di noce e armadi per i libri. Tra le più grandi biblioteche italiane, custodisce una delle più importanti collezioni di manoscritti greci, latini ed orientali.

28. Chiesa di Santa Maria dei miracoli

Costruita a fine Quattrocento, Santa Maria dei Miracoli ammalia i passanti con la sua raffinata facciata ricoperta di marmi che, si dice, derivino dai materiali avanzati dopo l'edificazione della Basilica di San Marco.

9_Miracoli_Church-1-2.jpg?1592586220

Credit: Tourism Media### 29. Cà Foscari

E' uno palazzi più affascinanti della città, per via della posizione scenografica sul canale e dell'architettura gotica veneziana, che hanno ispirato pittori di periodi storici diversi. Restaurato due volte nel corso del Novecento da Carlo Scarpa, è sede dell'Università Ca' Foscari di Venezia.

30. Chiesa della Madonna dell'Orto

Ubicata all'estremità settentrionale del sestiere di Cannaregio, la chiesa della Madonna dell'Orto impressiona per la sua monumentalità. Costruita nel Trecento, venne radicalmente rimaneggiata nel corso del secolo successivo, come ben testimonia la straordinaria facciata in cotto, che marca il passaggio dal romanico al gotico e dal gotico al rinascimentale.