Fare Street art a Padova, una città ricca di storia, è un'impresa tutt'altro che semplice. Kenny Random ci riesce trasmettendo emozioni sempre positive.

A Padova non ci sono, come a Berlino, grandi muri spogli da dipingere, nè sono presenti grandi aree industriali abbandonate, come a New York o a Londra. E a differenza delle grandi città internazionali, Padova, con i suoi 210 mila abitanti, non è certo una metropoli, ma, nonostante le dimensioni, presenta un tesoro storico ed artistico di straordinario valore. Se si pensa a Padova, infatti, sono immediati i collegamenti con Giotto, la Cappella degli Scrovegni, o il Mantegna. Confrontarsi con questi giganti della storia dell'arte taglierebbe le gambe anche a un ispirato Damien Hirst. Occorre, insomma, coraggio oltre che talento per fare arte in questa città. Gli ingredienti essenziali sono: spudoratezza, creatività, energia e un pizzico di giocosità per dialogare artisticamente con la città senza mai cadere nel banale, nel già visto o nel già fatto.

Kenny Random, alias Andrea Coppo, è riuscito, con passione, sin dalla fine degli anni '80, periodo del suo esordio, ad amalgamare tutti questi elementi. I suoi graffiti sono stati subito apprezzati e i suoi concittadini, ancora oggi, dopo più di venti anni, continuano ad amare la sua arte, non riuscendo ad immaginare Padova senza le sue opere. I suoi disegni sono, infatti, diventati un simbolo della città a cui nessuno vuole più rinunciare.


Segni inconfondibili

Kenny Random 04 - Photo by Desiree Tonus - Own work. Licensed under CC BY 2.0

I segni inconfondibili di Kenny Random sono il gatto e il ragazzo con cilindro e spolverino, che un po' ricorda il personaggio del piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry. Altri segni di riconoscimento sono i volti allungati, rintracciabili, specialmente, nei primi graffiti o lo Snoopy che insegue un cuore. Ad emozionare gli spettatori, gli amanti della street art, più che i soggetti sono i colori adoperati da Random. E il valore delle sue opere richiama non solo i padovani ma anche gli abitanti delle zone limitrofe: è, sicuramente, merito dell'artista esser riuscito a creare un rapporto nuovo tra cittadini, turisti e città. Testimonianza di questo legame speciale, che unisce Random ai suoi fan, è l'evento The Gift, una bellissima iniziativa svoltasi per la prima volta nel 2012 e, dato il successo, riproposta anche in seguito.


The Gift, una caccia al tesoro per le vie della città

Il tesoro della caccia consiste nelle ultime e inedite opere di Kenny, ben nascoste tra i muri della città. Gli indizi li fornisce l'artista stesso sulla sua pagina Facebook. Ai più veloci nel rintracciare i tesori sparsi per Padova, Kenny regala una copia su tela dell'opera trovata. E' da qui che l'iniziativa prende il nome The Gift - il dono. Immaginate l'emozione provata da un amante della Street Art a scoprire per primo un'opera inedita del suo artista preferito e a portarsi a casa la copia. E' proprio questo che succede a Padova: un enorme campo da gioco dove tutti possono partecipare e, mal che vada, ammirare le opere di uno dei più celebri writer italiani!

Kenny Random di Simonetta Di Zanutto - Under Creative Commons license CC BY-NC-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/) - https://www.flickr.com/photos/dizanuttos/9130064972Via Rezzonico a Padova di Kenny Random - Foto di Simonetta Di Zanutto - Under Creative Commons license CC BY-NC-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/) - https://www.flickr.com/photos/dizanuttos/9130064972