Mare, montagna e lasciti di storia compongono il quadro delle cose da vedere in Molise: chi ama il mare ha a disposizione una costa breve ma spaziosa, chi predilige la seconda troverà rilievi verdeggianti e non troppo impegnativi e chi non vuole rinunciare alla cultura può spaziare dal Paleolitico fino ai giorni nostri.

Superati finalmente i meme e le battute che non spiccavano certo per originalità, oggi il Molise è una regione da riscoprire e apprezzare, grazie anche alle 15 location che seguono.

1. Isernia

Adagiato in una valle degli Appennini meridionali, il capoluogo Isernia offre tanto ai turisti che vi giungono. La Fontana Fraterna è il simbolo della città, insieme alla vicina cattedrale di San Pietro Apostolo con la facciata e il campanile provenienti da epoche diverse (neoclassico e medievale). Il maestoso Monumento ai Caduti merita anch'esso una visita, prima di una sosta nella centrale piazza Celestino V.

1503px-Isernia__fontana_fraterna__riassemblata_del_1853_da_frammenti_tre-quattrocenteschi_di_due_fontane__04.jpg?1589184471

Fontana Fraterna - Di Sailko - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=77626302

2. La Pineta

Vale un punto a parte il sito archeologico della zona La Pineta, nella periferia di Isernia. Qui si trova il Museo Paleolitico Nazionale, dato che in zona furono scoperti a fine anni Ottanta dei resti umani risalenti a settecentomila anni fa. A tutt'oggi proseguono gli scavi, di cui si possono osservare i risultati nell'interessante museo ad hoc.

3. Cerro al Volturno

Spingendosi verso il centro Italia e quindi in direzione del parco nazionale d'Abruzzo, non può sfuggire l'abitato di Cerro. D'altronde è quasi impossibile che questo paesino arroccato in mezzo a un bosco non venga notato, e la foto di copertina di questa guida al Molise è lì a testimoniarlo. Il castello dei Pandone e l'Abbazia di San Vincenzo sono i due monumenti da ammirare in zona.

4. Venafro

Un altro castello dei Pandone (meglio conservato di quello di Cerro e sede di un importante museo artistico) domina il borgo medievale di Venafro. Passando di qui non vanno evitate le rovine romane sparse per il centro e l'Oasi Le Mortine, un'area naturale dove flora e fauna si espandono in libertà. Perfino un semplice sguardo dai finestrini dell'auto permetterà di respirare aria pura e avvicinarsi alla vegetazione.

5. Monte Miletto

Anche se il complesso del Matese si sviluppa principalmente in Campania, la sua vetta più alta è in Molise e si chiama Monte Miletto. La cima può essere avvicinata tramite una seggiovia; ci sono inoltre vari sentieri nei dintorni perfetti per gli appassionati di trekking e di fotografie panoramiche.

1642px-Lago_del_matese_in_autunno.jfif?1589264923

Lago Matese - https://it.wikipedia.org/w/index.php?curid=900791

6. Guardiaregia

Ancora nel verde del Matese al fine di scoprire il grazioso villaggio di Guardiaregia. In particolare è la Riserva Regionale Naturale di Guardiaregia-Campochiaro ad attirare le attenzioni: è gestita dal WWF e perlustrandola potrete vedere molti animali, da lupi e daini fino a farfalle e rapaci.

7. Bojano

Dallo studio dell'ambiente si passa alla storia a Bojano. Nel comune in provincia di Campobasso si scorgono ancora oggi i resti delle civiltà sannite e romane che abitarono qui nei secoli scorsi. Un salto al museo archeologico cittadino è utile per capire il passato della zona mentre il duomo di San Bartolomeo è la chiesa da visitare.

8. Sepino

Oggi si chiama Sepino ma è come Saepinum che fece la storia. Ora i resti delle costruzioni dell'Antica Roma sono preservate in una zona protetta nella quale stupiranno il teatro, la basilica, le mura e le porte che raccontano il periodo glorioso di questa regione.

1440px-Altilia__Sepino_-_Quadrivio_-_panoramio.jpg?1589266351

Saepinum - Di Pietro Valocchi, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52759898

9. Trivento

Una cattedrale dagli interni sfarzosi con affreschi e reliquie antiche è il biglietto da visita di Trivento. Ma negli ultimi anni è stato l'uncinetto a far diventare famoso il paesino in tutto il mondo: angoli di strada, alberi e monumenti sono stati ricoperti di fili e stoffa colorati durante eventi dedicati all'arte dell'ago e filo nota come yarn bombing. Capita così di camminare fra delle vie che sono letteralmente vestite a festa.

10. Civitacampomarano

Fra i numerosi borghi che si ergono su una collina in Molise spicca Civitacampomarano perché la sua fortezza è una delle più imponente e meglio tenute. Il Castello Angioino infatti non sfigurerebbe in una fiaba e nonostante risalga al Medioevo e avesse funzioni militari ha esterni aggraziati e incantevoli. Un ponte d'accesso che sembra levatoio aggiunge magia alla struttura.

11. Campobasso

Il capoluogo regionale si scopre partendo dall'elegante piazza del Municipio. Dopo non può mancare una tappa al castello Monforte ed è probabile che per quel tempo avrete iniziato a sentire delle voci sul Festival dei Misteri. Approfondite questa importante usanza cittadina nel Museo dei Misteri. Voglia di relax? Il parco Villa De Capoa è il posto da scegliere.

12. Petacciato

Prima di arrivare al paese molisano sul mare per eccellenza, ecco Petacciato. La zona di Petacciato Marina è confortevole e meno frequentata di Termoli. Le spiagge sono lunghe e sabbiose, protette da dune e cespugli che le rendono quasi selvagge. Non mancano bar e stabilimenti balneari che in estate animano l'area.

13. Termoli

Perla della costa e immancabile fra le cose da vedere in Molise, Termoli è nota in tutta Italia come località balneare piacevole e tranquilla. I litorali nord e sud contengono le bellissime spiagge, fra cui eccelle quella proprio sotto il Castello Svevo. Oltre quest'ultimo edificio, non perdete la Torretta Saracena e un giro fra i tipici "trabucchi", costruzioni utilizzate per pescare nell'Adriatico.

1441px-Termoli_xx.jpg?1589443934

Termoli - Di Alexandertpr12 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=78494944

14. Agnone

Le campane sono protagoniste ad Agnone, un villaggio dedicato agli strumenti con batacchi. La locale Pontificia fonderia Marinelli ancora oggi produce campane per le chiese di tutto il mondo e vicino alla fabbrica vi è il Museo internazionale della campana. Per scoprire le modalità con cui si produce un gong perfetto.

15. Larino

Fra le bevande tipiche della regione vince il nocino, alcolico digestivo preparato con le noci. Assaggiarlo in una location come Larino, fra le botteghe di artigiani e le tradizioni folkloristiche ancora vive è il modo migliore per celebrare il Molise.

LEGGI ANCHE: Regioni italiane: le più belle cose da vedere, regione per regione!

Photo Credit

Foto di copertina: Trivento - Di Gianfranco Vitolo - https://www.flickr.com/photos/gianfrancovitolo/35892293690/, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=64884238

LEGGI ANCHE: 18 itinerari turistici per scoprire l'Italia da nord a sud!