I Romani le chiamavano Isole degli Dei, i pirati galiziani ne fecero la loro roccaforte: sono le Isole Cíes, puri gioiellini di natura incontaminata.

Forse non tutti sanno che Praia das Rodas, la spiaggia classificata come la più bella al mondo dal Guardian nel 2007, si trova in Spagna, e precisamente nell'arcipelago atlantico delle Isole Cíes, al largo della costa galiziana. Le isole che ne fanno parte sono tre Monteagudo, Illa do Faro e San Martiño, in ordine di grandezza e di diposizione da nord a sud.

Mare

Credits:

Sicuramente l'attrazione principale delle Isole Cíes sono le spiagge. Le due isole maggiori, Monteagudo e Illa do Faro, sono collegate da un istmo sabbioso naturale, la Praia das Rodas, che affiora durante la bassa marea e forma una laguna, nota come Lago de los Niños, una vera meraviglia della natura. San Martiño, invece, resta sempre isolata. Le Cíes fanno parte del Parco Naturale delle Isole Atlantiche> e, per ragioni di tutela ambientale, a sole 2200 persone al giorno è permesso soggiornare sull'arcipelago. Altre spiagge famose sono Nosa Señora, rivolta a sud, e Figueiras, riservata ai nudisti.

Attività

Cosa fare

L'arcipelago è uno dei centri più noti per l'ecoturismo: qui, sono proibiti non solo i veicoli a motore, ma addirittura le biciclette. Il ritmo dell'esplorazione è il più armonioso possibile, scandito soltanto dal passo. All'interno della riserva si dipanano quattro itinerari naturalistici, ideali per gli amanti del trekking. Un ottimo modo per scoprire anche gli anfratti più nascosti è quello di raggiungerli via mare: è possibile noleggiare barche a vela al punto d'attracco dei traghetti di linea. Il birdwatching è praticato pressoché ovunque ed è molto apprezzato, vista la grande varietà di specie presente sull'arcipelago. Per le immersioni è invece necessaria un'autorizzazione specifica, rilasciata direttamente dal Parco.

Cosa vedere

Durante le escursioni si incontrano le rovine di Castro das Hortas, un villaggio antichissimo dell'epoca preromana che successivamente diventò il quartier generale dei pirati. Non perdetevi il Monastero di San Estevo, oggi sede del Centro di Interpretazione, che fornisce ai visitatori notizie sulla storia delle isole e su tutte le attività che si possono svolgere in loco.

Sapori e vita notturna

Ristoranti

Chi sceglie le Isole Cíes come meta di vacanza deve tener in conto che qui non troverà strutture turistiche avanzate. Il Restaurante Islas Cíes, uno dei pochi presenti sulle isole, prepara alcune specialità tipiche galiziane come il pulpo a feira (condito con sale grosso, pimentón e olio d'oliva a crudo), seppie fritte e le albondigas (polpettine di carne mista al pomodoro). Potrete anche gustare deliziosi dessert e un ottimo caffè. La vista sul mare dalla terrazza esterna è sicuramente il punto forte di questo locale.

LEGGI ANCHE: Un tour enogastronomico di 72 ore in Galizia!

Locali e vita notturna

Solitamente, la durata di un soggiorno alle Isole Cíes varia da un paio di giorni a una settimana, non esistono automobili né hotel e nessuno abita stabilmente su queste isole. Si può campeggiare in alcune aree adibite ma soltanto previa prenotazione sul sito del Parco (www.parquenacionalillasatlanticas.com). La vita notturna è ovviamente del tutto inesistente e se volete godervi le ore della sera, contemplando il magnifico cielo stellato e il chiaro di luna, organizzatevi per un pernottamento in spiaggia.