Per visitare alcuni dei luoghi più suggestivi della capitale britannica non c'è per forza bisogno di prendere i bus o la metropolitana. Grazie alle sempre più numerose piste ciclabili, spostarsi a Londra in bici è infatti diventata un'ottima alternativa ai mezzi pubblici. In sella si possono peraltro scoprire angoli e scorci della città altrimenti difficili da conoscere. Di seguito vi diamo qualche dritta sui migliori percorsi e su come scoprire sia il lato urbano che quello verde di questa capitale in riva al Tamigi.

Le Cycleway, le Quietway e le Greenway

Fermo restando che nulla vieta di muoversi in bici lungo le normali strade della città, a meno che non sia espressamente proibito, vale comunque la pena di approfittare quanto più possibile delle piste ciclabili gestite dalla Transport for London o dalle altre autorità locali. Le principali categorie in cui si dividono sono le Cycleway, le Quietway e le Greenway. Le Cycleway sono dedicate al vero e proprio traffico pendolare e collegano il centro della metropoli ai quartieri periferici: spesso vi sfrecciano ciclisti esperti che vanno o tornano dal lavoro. Le Quietway, come suggerisce il nome che ricorda il nostro "quieto", sono invece per chi preferisce un ritmo più tranquillo e rilassato. Di norma occupano sezioni di strade secondarie e non sono sempre rigidamente separate dal resto del traffico. Ultime ma non meno importanti sono le Greenway, una serie di piste ciclabili e pedonali su percorsi vietati alle auto, prevalentemente all'interno di parchi e aree verdi. Forse ve lo sarete già immaginati da soli, ma anche sulle piste ciclabili come in strada il senso di marcia è l'opposto del nostro. Cercate di ricordarvelo sempre mentre siete in sella, soprattutto quando state ammirando i dintorni e magari siete un po' distratti!

ciclista-lungo-una-strada-di-richmond-park-21_Pick.jpg?1586876835

Foto: Tourism Media

Quietway 1: da Waterloo a Greenwich

La prima Quietway a essere realizzata è ancora oggi una delle più amate. I suoi 9 km tagliano il South East da Greenwich a Waterloo attraversando Lewisham, Southwark e Lambeth. La segnaletica della Q1 è particolarmente chiara e il suo percorso è ideale per scoprire quartieri della Londra popolare fuori dai percorsi turistici tradizionali.

Quietway 11: attraverso la City

Dalle rive del Tamigi, presso il Southwark Bridge, la Q11 si snoda verso il London Wall e Moorgate fino alla zona sud di Islington. Il bello di questa pista è che riesce ad attraversare su strade relativamente tranquille alcune delle zone altrimenti più affollate e frenetiche di tutta Londra.

Quietway 15: nel cuore di Chelsea e Kensington

La Q15 parte da Pimlico per raggiungere il cuore di Chelsea e snodarsi quindi verso South Kensington e Earl's Road. Fra edifici vittoriani, eleganti giardini e i locali alla moda di King's Road, questa pista ciclabile è un modo alternativo per scoprire alcuni dei quartieri più esclusivi della capitale britannica.

Tamsin Trail: attraverso il Richmond Park

Il Richmond Park è un'immensa e tranquilla area verde alla periferia sudoccidentale di Londra. Oltre a costituire un'oasi di assoluta pace, questo parco è particolarmente importante per il suo valore faunistico. Durante una pedalata lungo i circa 8 km del Tamsin Trail, la Greenway che ne costeggia interamente il perimetro, potreste vedere alcuni dei numerosi cervi che vivono qui in libertà.

Hackney Parks: fra i parchi di North London

Chi dice che North London non sia particolarmente verde? Venite a vedere con i vostri occhi percorrendo la Hackney Parks Greenway che parte dal London Stadium a Stratford per attraversare il Victoria Park in direzione di Hackney. Qui, dopo una breve interruzione dove dovrete circolare sulla normale carreggiata, il percorso riprende a Lower Clapton attraverso tranquille stradine secondarie fino al Clissold e al Finsbury Park.

gruppi-di-persone-su-un-prato-in-un-parco-londinese.jpg?1586876928

Foto: Tourism Media

Regent's Canal Towpath: pedalando lungo il canale

Cosa c'è di più rilassante di una pedalata lungo un tranquillo corso d'acqua? A Londra i canali sono tantissimi e fra quelli che meglio si lasciano scoprire in sella a una bicicletta spicca lo splendido Regent's Canal. Un tempo uno dei segreti meglio custoditi della capitale britannica, non c'è da stupirsi se oggi è sempre più frequentato. È lungo i suoi quasi 10 km, fra il Camden Lock Market e il Limehouse Basin in riva al Tamigi, che la capitale britannica regala infatti alcuni dei suoi angoli più suggestivi e romantici.

Noleggiare una bici: il bike sharing pubblico

Come in tante altre grandi città europee, anche a Londra esiste un'estesa rete di bike sharing pubblico. L'accesso al sistema è davvero conveniente e per usufruire del servizio bastano una carta bancomat o una carta di credito. Ovviamente ogni operazione si può fare tramite un'apposita app... l'unica cosa che non può fare è pedalare al posto vostro!

Se ci avete preso gusto e dopo tutti questi itinerari avete ancora voglia di pedalare, magari in compagnia, vi consigliamo un eccezionale tour della città in bicicletta per scoprire alcune attrazioni londinesi con tanto di guida personale. Non dimenticate che, oltre a quelli già citati, molti degli altri parchi orgoglio di Londra sono raggiungibili in bici. Attenzione però, non date per scontato che sia consentito pedalare anche al loro interno. Controllate i cartelli all'ingresso e, se così non fosse, passeggiate spingendo la vostra amata due ruote o legatela negli appositi spazi e fatevi una camminata per sgranchirvi. Non vi è già venuta voglia di partire? Gli hotel di Londra accolgono a braccia aperte tutti, anche i più irriducibili ciclisti.